1

Beffa doppia. Nel 2-3 finale non c'è solo il ko arrivato contro il Genoa al 95' di una partita che la Lazio pensava di aver raddrizzato dallo 0-2 del primo tempo, ma pesano anche gli infortuni che rischiano di fermare Klose per Napoli ed Europa League e Brocchi per gli ultimi mesi di carriera. Pensando alle ultime prestazioni (sconfitta col Chievo e pari a Palermo), alle assenze, alla fatica e ai flop del mercato, è una sconfitta che brucia anche di più. 'Ma saremo capaci di risollevarci e migliorare la nostra classifica come fatto in passato dopo sconfitte del genere - le parole di Petkovic -. Svanito il sogno scudetto? Ci sono ancora tante partite, questi cali non devono distoglierci dai nostri obiettivi. Fino a gol di Borriello abbiamo tenuto bene il campo, poi loro con hanno fatto due tiri e hanno segnato chiudendo meritatamente in vantaggio, mentre noi non c'eravamo con la testa, dopo la partita con la Juve. Nella ripresa siamo stati più brillanti e meritavamo qualcosa di più'.

Un cambio di passo mentale, ma forse dietro c'è anche qualche problema fisico che gli infortuni stanno sottolineando. In particolare quello che costringerà Klose (niente Nazionale) a volare lo stesso in Germania per un consulto. 'Peccato non avere sempre tutti pronti, ma fa parte del calcio - ha detto il tecnico -. Mi spiace dell'entrata su Brocchi (dell'ex Matuzalem, ndr), spero che per lui non ci sia nulla di grave. E sono preoccupato anche per Klose e per il problema che ha al ginocchio. Abbiamo avuto tante partite fino ad ora, ma non ci lamentiamo perché vogliamo arrivare in fondo a ogni competizione. Purtroppo ci sono momenti che vanno così, ma noi dobbiamo essere più concentrati e non innervosirci'.

Probabilmente in questa fase della stagione avrebbero fatto comodo un paio di cambi in più, magari uno in attacco visto che Klose avrebbe bisogno di risolvere definitivamente i suoi problemi. Uno dei pochi a salvarsi nella beffa di Genova è il solito Stefano Mauri. 'Abbiamo regalato il primo tempo, su questo è necessario migliorare, dobbiamo tornare ai livelli di prima'. Come previsto, Marchetti è stato convocato di nuovo in nazionale da Prandelli dopo oltre due anni di assenza. 

(Corriere della Sera - Edizione Roma)