Commenta per primo
Conclusa la stagione con la salvezza, in casa Lazio ora si pensa al mercato. Ma oggi, presso la sede dell'Ussi della Canottieri Aniene, premi per Reja e Tare. Il diesse laziale stamani ha ritirato il Premio Limone. "Sicuramente la rosa è da sfoltire - dice - in quanto avremo solo campionato e Coppa Italia. Meglio avere giocatori, che non averne come qualche anno fa. Lo scorso anno la situazione era la stessa, avevamo 55 giocatori e alla fine ne abbiamo mandati via 22, ma a me piace lavorare tanto, lo faccio per la Lazio e lo faccio con passione". Poi sui vari Kolarov, Zarate e Ledesma: "Fino ad ora – ha spiegato Tare – ho sentito solo speculazioni, anche quelle riguardanti Kolarov. Il giocatore è sotto contratto e la sua situazione verrà valutata nel momento opportuno, prendendo decisioni sempre per il bene della Lazio. Zarate invece è un grandissimo professionista, ha grande talento e lavora in maniera unica. Per la sua situazione verranno chiamate in ballo società, tecnico e anche l’ambiente. E’ molto giovane e su di lui le aspettative sono sempre enormi. Troppa responsabilità addosso probabilmente non gli fa. Riguardo a Ledesma, sicuramente è un giocatore che qualitativamente non si discute, ora vedremo di valutare la sua situazione insieme a lui e al suo procuratore”. Tare prosegue: "Questa stagione ho sentito molte critiche su Lotito e sul sottoscritto. A volte credo siano state eccessive, ma noi le abbiamo accettate comunque, principalmente per il bene della squadra".