Calciomercato.com

Lazio, UFFICIALE: niente decadenza per Lotito, ecco perché

Lazio, UFFICIALE: niente decadenza per Lotito, ecco perché

La Lazio ha diramato un comunicato stampa per fare chiarezza sulla situazione del presidente Claudio Lotito, 'in adempimento a quanto richiesto dalla Consob in data 4 marzo 2014'. Nella nota il club biancoceleste ricorda che 'la Corte di Cassazione, con sentenza in data 4 luglio/30 dicembre 2013, n. 51897/13, ha annullato senza rinvio la condanna emessa dalla Corte di Appello di Milano il 12 marzo 2012 nei confronti del dott. Claudio Lotito per i reati di aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza, ed ha annullato con rinvio la stessa sentenza per la parte relativa al reato di omessa alienazione di partecipazioni rilevanti, mandando alla Corte di Appello di Milano per la determinazione della pena. Il giudizio di rinvio non è stato ancora fissato'.

Tuttavia, si legge, 'il Consiglio di Gestione della società ha ritenuto che, non contenendo la sentenza della Corte di Cassazione alcuna condanna definitiva ad alcuna pena, non si sia in presenza dei presupposti richiesti dall'art. 18 dello Statuto o dall'art. 22 bis delle Norme Organizzative Interne della FIGC (che prevederebbero secondo Federsupporter la decadenza dall'incarico, ndr). Il Consiglio di Sorveglianza della società ha condiviso le considerazioni del Consiglio di Gestione ed ha acquisito un certificato penale del dott. Claudio Lotito, rilasciato a fine febbraio 2014, nel quale non risultano annotate condanne passate in giudicato. Il Consiglio di Sorveglianza rimane, comunque, in attesa dell'esito del giudizio di rinvio e del passaggio in giudicato della sentenza che concluderà il processo'. 

Altre notizie