Commenta per primo

L'ambiente laziale non è mai stato così unito come in questi giorni. Dopo Napoli-Lazio e il disastro di Luca Banti, i tifosi biancocelesti si interrogano su quanto accaduto al San Paolo, e sull'arbitraggio quasi comico del direttore di casa. Il 'quasi' è d'uopo, perché sarebbe stato comico se ad un certo punto l'incubo fosse finito. Invece era tutto vero: il gol non assegnato a Brocchi ha dell'assurdo, il rigore assegnato ad un Cavani degno della migliore Cagnotto (che era in fuorigioco al momento del passaggio di petto di Yebda) anche, e la conseguente espulsione di Biava insensata. Il tutto condito dalle dichiarazioni del post partita di Mazzarri e De Laurentiis, che si sono ben guardati dal parlare di arbitri quando non più tardi di una settimana fa il presidente partenopeo diceva: 'Il Napoli è una realtà che dà fastidio e su questo non ci piove. Se il campionato lo debbono fare solo tre squadre, allora se lo facciano tra di loro'. Per la serie: il pianto frutta.

A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca, dice un proverbio, ma visto che ci hanno insegnato a farlo in passato, e visto che la Lazio non si è mai lamentata prima di questo arbitraggio scandaloso, allora ben vengano le dichiarazioni, le diffide e le inibizioni. Se serve questo per avere il giusto, che ci si faccia sentire. Il livornese Banti e il concittadino Mazzarri hanno fatto una brutta figura, e non è la prima volta: l'arbitro è lo stesso che ha assegnato un gol irregolare al Milan contro il Chievo ignorando un tocco di mano di Robinho, e non ha espulso (per doppia ammonizione) De Rossi a Bologna per un fallo di mano a centrocampo.

Il tecnico invece ha perso una buona occasione per fare una bella figura. Bastava dire: 'L'arbitro ci ha favoriti', e invece di vincere avrebbe stravinto. Il fatto di sottolineare che siano entrambi di Livorno non è un caso, vista la storica rivalità tra le due piazze: il livornese Lucarelli, ora al Napoli, si scontrò fisicamente con Goran Pandev, reo di aver 'esultato troppo' dopo aver segnato un gol. Detto questo, la Lazio ha sbagliato e molto al San Paolo: sul 2-0 non puoi permetterti di prendere due gol in fotocopia su calcio piazzato. Una difesa disattenta e un Muslera ancora impreciso hanno dato il 'la' alla rimonta napoletana, e allo straordinario spettacolo di Banti, che ha fatto sì danni inenarrabili, ma ha anche in qualche modo rimesso d'accordo i tifosi biancocelesti.