Commenta per primo

Oddo, Giandonato, Pasquato, Muriel e palla a Di Francesco. Il Lecce esce rafforzato dalle operazioni di mercato e certamente competitivo, sulla carta, nella lotta per la salvezza. Con l'arrivo dei quattro già menzionati, i volti nuovi sono 11: squadra tutta nuova in buona sostanza, ma priva di una identità ed anche senza futuro. Già perché Obodo, Julio Sergio, Cuadrado, Muriel, Strasser, Pasquato e Giandonato sono tutti prestiti secchi che saranno rispediti al mittente a fine stagione, costringendo chi acquisterà il club (speriamo prima possibile) a sborsare una bella cifra per tentare di costruire qualcosa nel tempo.

A Lecce si vive alla giornata e non si fa il passo più lungo della gamba. Giusto così. La proprietà, che in tempi non sospetti non scuciva un solo euro di investimento, ora ha l'alibi della cessione per continuare a farlo, e la premiata ditta 'Osti&Cipollini' è costretta, a sua volta, fare i salti mortali per assemblare qualcosa di credibile. Fino ad ora le cifre sono tutte dalla sua parte visto che la campagna acquisti è stata chiusa con un attivo di 4.305 milioni, saldo derivante da 0.825 milioni di spese e 5.13 milioni di entrate. Come inizio non c'è male. E adesso tocca a mister Di Francesco fare vedere di cosa è capace.

Il livello qualitativo ha subito un'impennata, le alternative tecniche e tattiche sono sotto i suoi occhi e francamente i tifosi si aspettano molto di più rispetto a quanto visto contro il Crotone. Una grossa mano l'hanno data sciopero dei calciatori e lo stop per la Nazionale, che hanno offerto su un piatto d'argento altre due settimane di lavoro per presentarsi al meglio nel debutto casalingo con l'Udinese l'11 settembre prossimo. A quel punto il tecnico pescarese non avrà più alibi. Se il suo 4-3-3 continuerà ad essere poca cosa bisognerà rivedere assetto e attori protagonisti.

In attesa una bella intuizione del tecnico pescarese è la proposizione di Tomovic nel ruolo di centrale difensivo, cosa mai provata, chissà perché, da Gigi De Canio quando era in difficoltà. Il giocatore serbo ha fisico, qualità ed esperienza per coprire quel ruolo e potrebbe farlo in pianta stabile: 'A livello di centrali difensivi, abbiamo a disposizione Tomovic che in passato ha ricoperto questo ruolo e, perciò, per noi rappresenta una soluzione validissima' le parole di Di Francesco dopo il test con i dilettanti del Tricase. Insomma, le premesse per una stagione con poche fibrillazioni ci sono tutte. Importante sarà partire col piede giusto.

Acquisti: Esposito (Bologna), Cacia (Piacenza), Diamoutene (Pescara), Carrozzieri (Palermo), Strasser (Milan), Obodo (Udinese), Julio Sergio (Roma), Cuadrado (Udinese), Bertolacci (Roma), Oddo (Milan), Giandonato (Juventus), Pasquato (Juventus), Muriel (Udinese).

Cessioni: Rosati (Napoli), Munari (Fiorentina), Rispoli (Sampdoria), Coppola (Parma), Sini (Roma), Gustavo (Botafogo), Fabiano (Shandong), Giuliatto, Chevanton (Colon), Donati (Padova), Vives (Torino), Jeda (Novara), Cacia (Padova).

All. DI FRANCESCO.