Commenta per primo

Roberto Mancini commenta la vittoria degli azzurri contro l'Inghilterra ai rigori. "Fabio Capello ha fatto un ottimo lavoro con la Nazionale. Credo che se ci fosse stato lui in panchina, l'Italia avrebbe fatto un po' più di fatica - ha affermato ai microfoni di Rai Radio2 il manager del Manchester City rispondendo alle domande di 'Chiambrettopoli' - Credo che gli inglesi paghino, come sempre, il fatto di giocare ininterrottamente per dieci mesi senza soste. Poi arrivano a queste competizioni che sono cotti. Di solito attaccano, non difendono come in questo Europeo". Mancini poi fa una previsione su quale sarà la finale: "Italia e Portogallo", una partita dal pronostico poco scontato: "sarà un po' come Real Madrid e Barcellona nella passata Champions League. Vedremo".

All'indomani del successo degli azzurri sull'Inghilterra, a Euro 2012, Roberto Mancini parla delle due nazionali e di Balotelli: "Credo che gli inglesi paghino, come sempre, il fatto di giocare ininterrottamente per dieci mesi senza soste; poi arrivano a queste competizioni che sono cotti - dice il tecnico jesino, intervistato da Piero Chiambretti per Radio Rai - Fabio Capello ha fatto un ottimo lavoro con la Nazionale. Credo che se ci fosse stato lui in panchina, l'Italia avrebbe fatto un pò più di fatica; di solito loro attaccano, non difendono come in questo Europeo. Balotelli? Ce ne sono tanti peggiori di Mario ma lui ce la mette proprio tutta per farsi 'beccare'. Nonostante quel che si dica, è un bravo ragazzo e mi auguro che non disperda il suo talento. Tutti noi abbiamo fatto errori a quell'età. Il giocatore che avevo fatto debuttare io all'Inter arrivava dalla primavera, era molto giovane. Adesso è maturato, sicuramente cambiato, ma è ancora un ragazzino e ha bisogno di migliorare sotto tanti aspetti".