67
Dopo la cocente eliminazione in Europa League nella sciagurata serata di Salisburgo, la Lazio si riscatta con una straordinaria rimonta sul campo della Fiorentina e continua la rincorsa a un posto nella prossima Champions League. Una vittoria che ha evidenziato ancora una volta il carattere e la qualità della squadra biancoceleste, una delle sorprese di questa stagione. Gran parte del merito va dato a Simone Inzaghi, che è riuscito a dare un'identità alla sua squadra e valorizzare gli uomini a disposizione: dal recupero di Luis Alberto, a un passo dal ritiro, alla definitiva esplosione di Milinkovic, passando per la straordinaria annata di Lucas Leiva e Immobile, il tecnico piacentino ha saputo sfruttare al massimo le potenzialità della sua rosa e trarre il meglio da ognuno dei suoi calciatori. Oltre allo stesso Inzaghi, che piace alla Juventus in caso di addio di Allegri, gli osservatori di mezza Europa hanno messo gli occhi sui calciatori biancocelesti, con la dirigenza del club capitolino che si sfrega le mani.

RINATI - 39 reti e 11 assist in 44 partite. Sono i numeri di Ciro Immobile, che si è ritrovato all'ombra del Colosseo dopo le parentesi negative al Borussia Dortmund e al Siviglia. Pagato 8,5 milioni di euro, il 28enne oggi vale almeno il quadruplo grazie a una media realizzativa straordinaria. Discorso simile per Luis Alberto, che dopo la prima stagione a Roma in cui ha riscontrato gravi difficoltà di ambientamento, quest'anno sta vivendo la miglior annata della sua carriera grazie a un'idea tattica di Inzaghi: arrivato per sostituire Candreva, lo spagnolo ha faticato nel ruolo di esterno. Poi l'idea dell'allenatore biancoceleste, che lo sposta al centro del campo, dove può sfruttare tutta la sua qualità ed esprimersi al meglio. Arrivato a Roma per 7 milioni di euro, oggi è considerato uno dei migliori trequartisti d'Europa, raggiungendo una valutazione di almeno 30 milioni. Tra i calciatori rinati sotto la guida di Inzaghi c'è anche Lucas Leiva: arrivato in sordina dal Liverpool per sostituire Biglia, ha fin da subito dimostrato di essere uno dei migliori centrocampisti del campionato. Pagato 6,5 milioni ai Reds, non ha fatto rimpiangere il Principito ma al contrario il suo rendimento è stato addirittura maggiore di quello dell'argentino, passato al Milan per circa 20 milioni di euro. 

ESPLOSI - Tra i meriti di Inzaghi c'è sicuramente quello di aver formato calciatori arrivati a Roma da semi-sconosciuti e diventati grandi con la maglia biancoceleste. Pescato da Tare in Belgio e strappato alla Fiorentina in extremis, Milinkovic è esploso definitivamente sotto la guida dell'ex centravanti biancoceleste ed è entrato nei radar dei migliori club del mondo. Arrivato per una cifra vicina ai 10 milioni di euro, più 9 milioni versi al Genk la scorsa estate per eliminare la clausola che prevedeva il 50% sulla futura rivendita, oggi viene valutato circa 150 milioni. Sulla sua scia del serbo Adam Marusic, approdato la scorsa estate a Roma dall'Oostende e che si è rivelato un'autentica sorpresa di questa Serie A. Anche nel suo caso, il prezzo si è triplicato: arrivato per 6,5 milioni oggi ne vale almeno 20. Discorso diverso per Strakosha, cresciuto nel settore giovanile biancoceleste e diventato grande proprio con Inzaghi, che dopo averlo allenato nella Primavera lo ha lanciato a San Siro contro il Milan il 30 settembre 2016 senza mai più rinunciare a lui. Arrivato molto giovane a Formello, oggi il suo prezzo si aggira intorno i 20 milioni di euro. 
A CHI PIACCIONO - Manchester United, PSG e Real Madrid, oltre alla Juventus, sempre attenta ai migliori talenti del nostro campionato. In estate si prevede una vera e propria asta per Milinkovic-Savic. Proprio quello che spera la società biancoceleste, che vuole ricavare almeno 150 milioni dalla cessione del serbo. L'ex Genk non è l'unico calciatore biancoceleste nel mirino di grandi club europei. Con l'addio di Iniesta, destinato a trasferirsi in Cina, il Barcellona ha messo gli occhi su Luis Alberto; si tratterebbe di un ritorno, con lo spagnolo che ha già vestito la maglia azulgrana, ma nella formazione B. In Inghilterra, fari puntati su Marusic: sul montenegrino c'è il Liverpool di Klopp, pronto ad aggiudicarsi l'ennesima scoperta del club biancoceleste a suon di milioni.

@AleDeFelice24