Calciomercato.com

Maxi Lopez viola e Gila alla Juve

Maxi Lopez viola e Gila alla Juve

A gennaio solo ritocchi, il bomber in pole per l'estate.
La Juve rimanda il colpo in attacco, il viola Alberto Gilardino ringrazia.
Troncato il chilometraggio del resto della stagione con l'uscita dall'Europa League, la Juve ha spostato il restyling più costoso all'estate: là si farà lo shopping deluxe, comprando cioè un attaccante brevettato per venti gol a campionato. A gennaio, se mai spunterà, l'ad e direttore generale Beppe Marotta prenderà giusto un'occasione, frugando soprattutto tra gli esterni di difesa e i centrocampisti, se partirà Momo Sissoko. Più difficile assumere una punta, a meno di non cederne una: altrimenti Amauri, Del Piero, Iaquinta e Quagliarella resteranno gli impiegati del settore.

Si cambierà, a giugno. E il nome che rispunta è quello di Alberto Gilardino, 28 anni, più volte accostato ai bianconeri, pure negli ultimi mesi. Da ogni angolo l'affare viene definito difficile, ma meno di altri, per come stanno andando le cose in giro per l'Europa. Su Edin Dzeko, per esempio, ha piantato gli occhi il Real Madrid, concorrente scomodo, e in ogni caso ieri il Wolfsburg ha ribadito il prezzo: sui 40 milioni di euro. E anche tarando la sparata, mai si scenderà sotto i 30.

Se poi l'infortunio a Higuain ha cancellato l'ipotesi del prestito per Karim Benzema, prendere il talentuoso francese a fine stagione sarebbe complicato: più che per il cartellino, sui 25 milioni, per lo stipendio, che «Futebol Finance» quantifica oltre i 7 milioni a stagione. Anche per questo, il nome del centravanti della Fiorentina è rispuntato nella lista dei bianconeri, anzi non c'è mai uscito. Gila viene valutato sui venti milioni, cifra rosicchiabile infilando nella trattativa giocatori. Sulle capacità della punta ci sono pochi dubbi, con le ultime due stagioni di A da 19 e 15 gol. E pazienza per la smentita, subito arrivata alle prime voci juventine, sul sito del club viola, a fine ottobre: «Ho un contratto con la Fiorentina fino al 2013 e intendo rispettarlo».

Di questi tempi fa ampiamente parte del gioco, se nella stessa sede si frenava sul contratto con un nuovo agente. Giuseppe Bozzo, poi ufficializzato. Procuratore sveglio ed emergente, che insieme a Marotta fu il regista dello strepitoso rilancio di Cassano alla Samp, e dell'arrivo in bianconero di Quagliarella. Altro piccolo indizio sul trasloco di Gila: due giorni fa, la Fiorentina ha incontrato uomini dell'Img, la società che gestisce il cartellino di Maxi Lopez.

Per l'argentino aveva fatto un sondaggio pure la Juve, e la trasferta di domenica sarà l'occasione per un contatto diretto, ma il Catania non intende mollarlo in prestito. Il progetto è di piazzarlo, partendo da una base di 15-16 milioni: troppo per un lifting invernale bianconero, non per un cambio estivo a Firenze, con Gila.
 

Altre notizie