3
I videogiochi arrivano nella realtà in aiuto di chi ha bisogno. Non è solo uno slogan, ma quanto accaduto recentemente in una vicenda che coinvolge il celebre titolo di Konami Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. L'azienda nipponica ha infatti collaborato con la pluripremiata azienda di protesi Open Bionics per realizzare il design Metal Gear Solid "Venom Snake" per il braccio bionico multi-grip "Hero Arm". A ricevere la protesi il ventinovenne britannico Daniel Melville, privo della mano destra fin dalla nascita, che da tre anni indossa il braccio bionico Hero Arm ed è ora il primo utilizzatore del design Metal Gear Solid: "E' incredibile, ho sempre desiderato un braccio bionico come questo - spiega lo stesso Melville -. Amo i videogiochi e Metal Gear Solid, indossare il braccio di Snake nella vita reale è semplicemente straordinario".





Il riferimento è al braccio bionici di Venom Snake, protagonista del videogioco sopracitato: nel titolo, il personaggio ha perso il braccio per un'esplosione e utilizza l'iconica protesi hi-tech rossa e nera.




"Siamo incredibilmente felici di collaborare con Open Bionics, azienda all'avanguardia nel settore della robotica. Siamo entusiasti di veder prendere vita, nel mondo reale, l'iconico design dell’arto bionico di Venom Snake in un prodotto tecnologico che sta migliorando la qualità della vita di chi ha perso gli arti superiori", dichiara Takayuki Kubo, presidente di Konami Digital Entertainment, Inc.

Gli fa eco Samantha Payne, COO e co-fondatrice di Open Bionics: "Da quando Open Bionics è stata fondata sei anni fa, il braccio di Snake è uno dei design più richiesti dagli utilizzatori dell’Hero Arm, siamo lieti di offrirlo ai nostri utenti e grati a Konami per la preziosa collaborazione che è nata da un reciproco interesse per arte, scienza e tecnologia. È pura gioia vedere questo pezzo di arte e ingegneria avere un impatto positivo sulla vita di molte persone".