338
Se guardiamo il campionato dalla prospettiva dei rigori la realtà si presenta sotto un altro aspetto. Non ci interessa qui valutare se il rigore dato/subito è stato giusto/sbagliato, vogliamo semplicemente capire quanti punti hanno fruttato i rigori ad ogni squadra. I criteri di valutazione che abbiamo preso in considerazione sono i rigori che hanno fruttato vittorie o pareggi, cioè i rigori «dentro» partite che hanno portato punti alla squadra. Per questa classifica il rigore di Kessie contro l’Udinese (in pieno recupero, decisivo per il pareggio) vale un punto, e quello di Veretout contro il Torino (partita vinta 3-1, il rigore del francese portò al momentaneo 2-0) ne vale tre e quello di Zaccagni segnato contro la Sampdoria (col Verona sconfitto 1-2) ne vale zero. Banalmente: è chiaro che il rigore di Kessie «pesa» di più, ma chi può dire come sarebbe finita la partita se Veretout non avesse segnato il raddoppio? Quindi un rigore segnato - così come uno sbagliato - incide sempre sulla partita. 

Da questo punto di vista sono emerse cose interessanti. Il dato che balza subito agli occhi è quello del Milan. Che ha ricevuto più rigori di ogni altra squadra del campionato (16, il doppio esatto di chi la segue: Sassuolo) e che - anche grazie ai rigori - per 10 volte ha vinto e 2 pareggiato. Totale punti del Milan derivati dai rigori: 32. Su 53 complessivi significa che il 60,3%. Quest'anno il Milan ha sbloccato il risultato grazie ad un rigore per ben 5 volte. Contro Crotone, Sampdoria, Benevento, Cagliari e Roma. Occhio: tutte e cinque le volte il Milan giocava in trasferta. 

Il Sassuolo di punti con i rigori ne ha fatturati 18. Su 36 complessivi significa il 50% secco. Terza sul podio la Roma: 14 punti derivano dai rigori segnati, ma la percentuale sul totale (29,7%) si abbassa drasticamente. Curiosità: l’Inter capolista ha vinto 4 partite in cui ha realizzato un rigore. Tutti rigori pesanti per l’infallibile Lukaku (4/4): equilibrio rotto con la Lazio, raddoppio con l’Udinese, gol decisivo col Napoli e della rimonta sul Torino. All’opposto lo score di Cristiano Ronaldo, che ha sbagliato il rigore che contava di più: sull’1-1 contro l’Atalanta, si è fatto parare il tiro da Gollini. Per il resto ne ha segnati due (il momentaneo 2-1 e il definitivo 3-1) contro il Genoa e quello dell’1-1 contro la Roma (partita poi finita 2-2). 
A proposito: è il Torino la squadra che meno di tutti ha saputo sfruttare i calci di rigore. Ne ha avuti 4, ne ha realizzati 3, ma sono risultati tutti inutili, perché non è mai arrivata la vittoria. Anche Fiorentina e Parma hanno una tendenza negativa. Tre rigori a testa, tre gol. Ma solo 2 punti conquistati, frutto di 2 pareggi. Chi capitalizza al massimo le risorse è il Genoa. Un solo rigore ricevuto, ma pesantissimo, nel derby ligure contro lo Spezia e sul risultato di 1-1. Sul dischetto è andato Criscito e ha fatto gol: era la prima di Ballardini sulla panchina del Grifone. A seguire la tabella con i rigori ricevuti (tra parentesi quelli segnati), i rigori-vittoria e i rigori-pareggio.

Squadra              Rigori/Vittoria Rigori/pareggio    Totale punti

Milan 16(12)                 10                     2                         32
Sassuolo 8 (8)                5                      3                         18
Roma 6 (6)                     4                       2                        14
Napoli 5 (5)                     4                      1                          13
Inter          5 (4)               4                     0                          12
Juventus 5 (4)                 3                     1                         10
Sampdoria 4 (3)              3                     0                           9
Spezia       4 (3)              2                     1                           7
Cagliari     4 (3)               2                      0                          6
Lazio        5 (3)               1                      1                          4
Benevento 4(2)              1                      1                           4
Hellas Verona 3 (3)        1                       1                         4
Atalanta    3 (3)              1                        1                         4
Bologna    2 (1)             1                         0                         3
Udinese    2 (2)             1                         0                         3
Genoa      1 (1)             1                          0                         3
Fiorentina 3 (3)              0                        2                         2
Parma      3 (3)                0                      2                          2
Crotone    4 (4)               0                       1                         1
Torino        4 (3)              0                      0                          0