73
Daniele Bonera, data l'indisponibilità di Stefano Pioli, sarà sulla panchina del Milan nella difficile e delicata trasferta del San Paolo contro il Napoli. L'ex difensore rossonero ha presentato la gara in conferenza stampa, ecco i passaggi più significativi.

SULLA FEDE ROSSONERA: “Vengo da una famiglia di appassionati di calcio e sono milanista per un amico di famiglia. Venni a occhi chiusi nel 2006 perché era un sogno che ogni bambino ha. Da lì è iniziato il mio percorso”.

SUL TORNARE A NAPOLI DOPO IL SUCCESSO DEL 2010: "Ricordo con affetto le vittorie, era una partita difficile, vincemmo, poi sappiamo tutti com'è finita. Sono molto contento di tornare a Napoli e ritrovare Rino come avversario".

SULLE INSIDIE DELLA PARTITA: “Non mi formalizzerei troppo sull’importanza. Tutte sono importanti. Non lo vedo come un esame finale. Credo nella responsabilità della squadra. È solo un piccolo tassello”.

SUL RAPPORTO CON GATTUSO: "E' stato un amico in campo e continua ad esserlo fuori, ci sarà spazio dopo la partita per un saluto affettuoso".

SULLA CONDUZIONE DEGLI ALLENAMENTI:  “Sono in stretto contatto col mister. Fin dall’inizio abbiamo avuto grande supporto tecnologico. Nella conduzione degli allenamenti comunque ho avuto carta bianca”.

SULLA GESTIONE DELLA PARTITA CON PIOLI: "Ne abbiamo parlato col mister, crediamo che si possa creare confusione. Abbiamo pensato di fare una riunione pre gara, poi se ci saranno cose importanti faremo un check a fine primo tempo".

SULLO STATO DI FORMA DEL GRUPPO: “Buono, se non ottimo. Anche chi è arrivato tardi si è presentato per fare terapie. Tutti bene, eccetto Leao che ha avuto un problema, rivalutato tra 10 giorni. Gli altri tutti disponibili”.

SULLA SUA IDEA DI CALCIO: "Sono stato indirizzato in quello che mi è stato insegnato e sto apprendendo con mister Pioli, mi trovo sulla stessa lunghezza d'onda ed è quello il calcio che mi piace".

SU CHI HA PIU' PRESSIONE TRA BONERA E I GIOCATORI: “La pressione la sento da sempre, ce l’avrò io come i giocatori. Devono fare ciò che hanno fatto finora. Siamo contenti".
SOSTA IMPORTANTE PER IL MILAN: "Si arrivava da un tour de force importante, anche a livello mentale i giocatori hanno potuto staccare, ma sono stati quasi tutti impegnati in nazionale. C'era un clima più disteso".

SU REBIC: “È un giocatore importante. Deve avere una buona condizione. Ha caratteristiche che richiedono che sia veloce e potente. Sappiamo che non è al 100%, ma sappiamo essere importante. L’infortunio di Leao non ci voleva, ma abbiamo soluzioni”.

SU IBRAHIMOVIC:  “Gli impegni ravvicinati sono un carico di lavoro importante. Lui aveva bisogno di staccare, forse anche mentalmente. Però si è presentato come sempre da capogruppo. La squadra è cresciuta però in tutti i suoi elementi per responsabilità e senso del lavoro. È entrato nella testa dei giocatori cosa vuol dire fare i professionisti”.

SULLA FASE DIFENSIVA SUI CALCI PIAZZATI: "Non abbiamo avuto troppo tempo per lavorarci, valuteremo oggi se ci sarà qualche cambiamento".

SU KESSIE RIGORISTA: "Lo ha detto Ibra, alzo le mani, se lo ha detto lui sarà Franck".

SU UN CALHANOGLU DISTRATTO DAL RINNOVO: “Siamo contentissimi del rendimento di Calhanoglu. In una stagione un giocatore può avere una partita più o meno positiva. Il nostro giudizio non cambia. Sotto l’aspetto contrattuale non voglio entrare nel merito, ma ha fatto capire ieri che tiene a questa maglia”.

SU ROMAGNOLI: “È il nostro capitano, siamo davvero contenti. Fa sempre tanto per la squadra, anche fuori dal campo. Errori e momenti meno positivi fanno parte della crescita. Non vedo un problema”.


SULL'ASSENZA DI PIOLI COME UN PROBLEMA: "Il fatto che ci sia io e non l'allenatore cambia poco, non sarò solo, i giocatori daranno sempre il massimo".

SULLE SENSAZIONI DELLA VIGILIA: "L'allenamento di ieri ci è piaciuto, da quel punto di vista siamo preparati e fiduciosi".

SUL PARALLELISMO CON EVANI IN NAZIONALE: "Non ci ho pensato ma è un bello spunto interessante, mi accontenterei di vincere la prima. Voglio fare i complimenti a Mancini, è riuscito a coordinare tutto lo staff da lontano".