179
23.15 RAIOLA: 'IBRA? NON LO VENDONO' - A frenare sull'arrivo di Zlatan Ibrahimovic al Milan è il suo agente, Mino Raiola, che al Journal du Dimanche ha dichiarato: "Ha un contratto, non può decidere di partire da solo. Nasser al-Khelaïfi è stato interrogato al riguardo e ha detto di no, il PSG non lo venderà".

Il Milan sa che con Zlatan Ibrahimovic non si può scherzare, e infatti non scherza: la voglia da parte del presidente Berlusconi e dell'ad Galliani è quella di riportare lo svedese, l'ultimo vero attaccante rossonero, a Milano, come antcicipato lo scorso aprile da Calciomercato.com (LEGGI QUI) Il ds Adriano Galliani ha già incontrato Mino Raiola a Berlino per mettere a fuoco l’offerta per lo svedese: impossibile eguagliare i 14 milioni di euro che gli garantisce, e gli garantirebbe ancora per un altro anno, il PSG. Tuttavia il Condor sa che la voglia di Ibra è quella di tornare a giocare in Italia, e il Milan sarebbe sicuramente una destinazione gradita. Ecco perchè l'empasse iniziale è già stata superata, e si sta già parlando di cifre nei contatti tra i due.
TRIENNALE DA 6,5 MILIONI - La proposta, secondo quanto riporta Tuttosport, è secca ed interessante: un triennale da 6.5 milioni all’anno, che per un giocatore che va verso i 34 anni, seppur decisivo come lo svedese, non è niente male. Inoltre la possibilità di essere il leader tecnico e carismatico della nuova squadra rossonera, il punto fermo in grado di fare la differenza e di motivare i giovani. Il costo del cartellino tra l'altro non sarebbe affatto un problema: a una sola stagione dalla scadenza il Paris Saint-Germain non si opporrebbe, soprattutto con la garanzia di poter risparmiare un anno di stipendio. Tra l’altro, i parigini si stanno già tutelando con l’acquisto dal Lione dell’attaccante classe '91 Alexandre Lacazette, capocannoniere dell'ultima Ligue 1. Ibra e Milan, le strade si avvicinano.