Buone notizie per il Milan e in particolar modo per il suo bilancio. La Uefa vigila ed è attenta nonostante il ricorso al TAS e la volontà di rispettare i parametri del Fair Play Finanziario passa anche da un'oculata gestione di incassi e cessioni. Per questo, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, fa sorridere l'ottenimento dei 12 milioni di euro che spettavano ai rossonoeri di diritto da parte del Trabzonspor per le cessioni di Juray Kucka e di José Sosa.

RICORSO ALLA FIFA - La società rossonera si è rivolta per ben due volte alla Fifa, massimo organismo mondiale di governo dei club, con una causa aperta da tempo con la società turca che nell’estate del 2017 avev acquistato il centrocampista slovacco per 5 milioni e il fantasista argentino per 7 milioni. Dodici milioni complessivi che il Milan ha atteso per diciotto mesi e che non poteva più permettersi di aspettare.

PAGAMENTO ARRIVATO - Il Trabzonspor aveva ricevuto una prima sollecitazione dalla Fifa, senza che poi provvedesse al pagamento. La seconda richiesta era stata più netta e accompagnata da una possibile pena (blocco del mercato) finché non fossero state coperte le spese. Oggi la buona notizia, complice anche il diffondersi dei rumors sul mancato pagamento, che è prontamente arrivato, tramite bonifico, nelle casse del Milan.