51
André Silva è un tema fondamentale del mercato estivo per il Milan. Perché i suoi gol nel 2019 scarseggiano, l'impatto fantastico avuto col Siviglia ormai è scemato eppure i milioni da racimolare con il suo cartellino tratteggiano un passaggio determinante per il bilancio del Diavolo, ancor più in piena discussione sul tema Fair Play Finanziario. Ecco perché la dirigenza rossonera entro la prima settimana di maggio ha previsto un nuovo contatto con l'entourage di André Silva, rappresentato dal potente agente Jorge Mendes; un vertice diretto per studiare la strategia migliore e in cui le due parti ribadiranno le proprie intenzioni.

LA SITUAZIONE - Il Siviglia ormai ha comunicato a Mendes di non voler riscattare André per 39 milioni di euro, dunque l'unica opportunità è quella di concedere uno sconto. Il Milan ad oggi è orientato su altre possibilità e vuole affrontare il tema proprio con il procuratore lusitano: Mendes farà il punto sui club con cui ha già parlato di André Silva, dal Wolverhampton fino al Monaco ma possono aprirsi altre strade in Premier League. L'agente infatti sta cercando una soluzione adeguata e ribadirà a Leonardo e Maldini che il portoghese non intende restare da riserva di Piatek per la prossima stagione; insomma, va trovata una sistemazione che accontenti tutti. Il Milan da parte sua ha intenzione di insistere sulla valutazione di 35 milioni di euro come base d'asta per privarsi di André Silva, aprendo anche all'idea di inserirlo in uno scambio ma soltanto a queste condizioni economiche. La preferenza rimane per una cessione definitiva a queste condizioni. Aspettando il faccia a faccia con Mendes, si procede per salutare André Silva. Con il Siviglia più lontano...