17
Il Milan è ripartito dopo i no di Jackson Martinez e Kondogbia e si è ributtato sul mercato: nel giro di due giorni Galliani ha chiuso il rinnovo di Nigel de Jong fino al 2018 e l'acquisto di Adrea Bertolacci dalla Roma, per il quale mancano solo le visite mediche e l'ufficialità. Non è però finita qui: i rossoneri vogliono piazzare un altro colpo a centrocampo, ma per farlo è necessario cedere alcuni esuberi. Tra questi Antonio Nocerino, al rientro dal prestito al Torino (fino a gennaio) e successivamente al Parma, legato al Diavolo con un contratto fino al 2016.

BERGAMO CHIAMA, MA L'INGAGGIO E' ALTO - Nonostante abbia recentemente dichiarato di voler restare al Milan, definita "casa sua", Nocerino non rientra nei piani di Sinisa Mihajlovic e per questo la società di via Aldo Rossi sta cercando una sistemazione per lui. Tra le squadre interessate c'è l'Atalanta: il tecnico Reja stima il centrocampista classe '85 sia da un punto di vista tecnico che umano e lo ritiene un innesto d'esperienza importante per i bergamaschi. Stando a quanto risulta a Calciomercato.com tuttavia, l'Atalanta frena ritenendo troppo alto l'ingaggio da 1,5 milioni di euro netti a stagione di Nocerino: impossibile intavolare una trattativa con il Milan, a meno che il club meneghino non si renda disponibile a contribuire al pagamento dell'ingaggio abbassando così la pressione sulle casse orobiche. Nocerino-Atalanta, una trattativa che può comunque decollare nei prossimi giorni e che potrebbe anche toccare un altro giocatore: se il Milan decidesse di ributtarsi su Daniele Baselli, il 30enne napoletano potrebbe anche essere proposto come parziale contropartita tecnica.
Federico Albrizio
@Albri_Fede90