103
Il Milan ha presentato oggi un esposto ufficiale alla Procura Federale contenente evidenze documentali per fare chiarezza in merito ai cori razzisti rivolti da alcuni tifosi della Lazio a Tiémoué Bakayoko. L'ad rossonero Ivan Gazidis ha spiegato ad Ansa: "E' un nostro impegno morale denunciare ogni forma di discriminazione che coinvolga il nostro club, che non possiamo e dobbiamo ignorare. Vogliamo ancora una volta confermare il nostro impegno per evitare simili atteggiamenti in futuro, collaborando con gli altri Club e le Istituzioni per raggiungere un obiettivo comune. Il mondo del calcio deve rimanere unito per tutelare tutti i giocatori in modo deciso e senza compromessi. L'intolleranza non è un problema creato dal calcio, ma senza dubbio si riflette nel calcio. Per questo motivo, continueremo nel nostro sforzo di portare cambiamento attraverso il calcio e lanceremo altre iniziative di sensibilizzazione nei prossimi giorni".

APERTA INDAGINE - L'esposto del Milan ha portato la Procura Federale ad aprire un'indagine, la conferma in una nota pubblicata dalla Figc: "La Procura Federale ha aperto un’indagine a carico della SS Lazio in seguito alla denuncia presentata dall’AC Milan per cori di matrice discriminatoria dei tifosi biancocelesti ai danni del calciatore Bakayoko nel corso della gara Milan-Lazio del 12 settembre scorso. La Procura sta acquisendo i video della partita e gli atti in possesso della Questura di Milano".