175
Rafael Leão, nell’ultima recita di San Siro contro la Lazio, ha confermato quello che si era visto, a corrente alternata, nelle sue prime due stagioni al Milan: è uno spaccapartite, capace di eludere con le sue giocate le difese avversarie. Stefano Pioli è convinto che il portoghese possa essere la vera arma rossonera nella complicata trasferta con il Liverpool. Rafa è carico a pallettoni, forte di un inizio di stagione straripante sotto ogni punto di vista: tecnico, mentale e tattico. Perché l’ex Lille, schierato stabilmente a sinistra del tridente dietro la punta, può trovare quella continuità che gli era tanto mancata nella scorsa stagione.
STAGIONE DELLA CONSACRAZIONE - Il Milan è certamente la squadra che più ha impressionato in questo avvio di campionato grazie al suo gioco aggressivo in fase di ricezione, rapido e decisamente organizzato. Uno spartito tattico che può esaltare le caratteristiche tecniche e fisiche di Leão, sempre abile a saltare l’uomo quando è libero di muoversi su tutto il fronte d’attacco. Ci crede Pioli e ci crede tutto il Milan che in estate ha saputo resistere alla tentazione di vendere il talento portoghese. Ci avevano provato Everton, Marsiglia, Wolverhampton ma sopratutto il Borussia Dortmund. Il club tedesco aveva chiesto informazioni dirette sia all’agente Jorge Mendes che a Maldini e Massara. La fiducia confermatagli dalla società è un altro fatto che può aiutare Rafa ad alzare definitivamente il livello della concentrazione e della preparazione alla partita. Le qualità tecniche, d’altronde, sono talmente evidenti che vanno solo sfruttate su più partite consecutive piuttosto che a momenti. Leão ora sembra più maturo, ci sono tutte le condizioni per disputare una stagione importante. A partire da domani, in uno dei teatri più affascinanti de mondo come lo è Anfield.