Massimiliano Mirabelli è arrivato in Russia insieme a Rino Gattuso per seguire diverse gare del Mondiale. Intervistato da Premium Sport, il direttore sportivo del Milan ha fatto il punto sul mercato rossonero: "Questa per noi è un'occasione importante per tenere vivi i contatti, non certo per visionare giocatori: li conosciamo già bene tutti. Condivido i favori del pronostico di tutti, quindi Brasile e Argentina, ma dico di stare attenti alla Croazia, c'è sempre una sorpresa".

SU DONNARUMMA E THIAGO SILVA - "Ora c'è silenzio attorno a Gigio, fa anche bene viste le tante cose dette. È un patrimonio del calcio italiano e pensiamo di tenerlo a lungo. Anche Raiola è abbastanza tranquillo, non ci sono problemi con lui. Thiago Silva? Grandissimo giocatore, in tanti sognano di venire al Milan, questa società conserva un fascino particolare".

SU ANDRÉ SILVA-FALCAO - "Scambio tra i due? Mi sembra improbabile, il colombiano è un grandissimo calciatore ma nella parte finale della carriera, mentre il nostro è un giovane che ha faticato il primo anno, bisogna dargli il tempo di abituarsi alla Serie A, ma sono convinto che in futuro diventerà tra i più forti al mondo. Non abbiamo ricevuto per lui offerte da far venire l'acquolina in bocca".
SULLA SENTENZA UEFA - "Vogliamo tenere i nostri giocatori migliori, anche se sono richiesti. Siamo certi di avere una squadra di valore, anche patrimoniale. La sentenza Uefa? Non ci faremo trovare impreparati in ogni caso, noi speriamo che nessuno ci tolga l'Europa League che abbiamo conquistato sul campo. Anche loro sanno che, senza Milan, la coppa perderebbe fascino. I tifosi devono sapere che lavoriamo 24 ore al giorno per migliorare la rosa, l'anno prossimo come minimo dovremo entrare in Champions League".

SU GATTUSO - "Ci ha ripagato alla grande, è una gran bella persona che abbiamo scoperto come tecnico. Gli abbiamo dato fiducia e siamo soddisfatti e contenti, il cerchio si è completato: grande giocatore e grande allenatore. Il suo stato d'animo in attesa della sentenza Uefa? Non è tranquillo, ma non per timori, lui in generale non conosce la parola tranquillità".