47
Parole dure quelle riservate dall'ex dg della Juventus Luciano Moggi, intervenuto alla trasmissione "Quelli del lunedì" a Class Tv, nei confronti di Alessandro Del Piero (foto calcio.fanpage.it) e del suo tormentato addio al club di cui è stato capitano: "Mi sarei comportato con Del Piero esattamente come ha fatto Agnelli. Le società di calcio non sono posti per accogliere la gente in pensione. Non che Del Piero fosse pensionato... però giocava poco alla Juventus, sicuramente da altre parti avrebbe potuto giocare di più. Poi, bisogna chiedere a Del Piero se fosse d'accordo... questo non lo so. Di sicuro, non era una bandiera così ingombrante da oscurare il giovane presidente Agnelli: semmai era un problema di spogliatoio. Nel calcio non esistono più le bandiere. Quando un giocatore prende 10 milioni l'anno non è più una bandiera, troppo comodo esserlo così".

Decisamente diverso il pensiero riservato a Francesco Totti: "Lui è un giocatore ancora competitivo, la cui sola presenza dà una grande fiducia alla squadra, le dà una grande carica. Io sono convinto che possa giocare un altro paio di stagioni di alto livello, nonostante i suoi 37 anni".