296

Una prova di forza importante, in una gara non banale soprattutto per le questioni ambientali che hanno visto protagonisti da un lato Harry Kane e la fascia arcobaleno vietata dalla fifa e dall'altro i calciatori iraniani che hanno scelto in protesta contro il proprio regime di non cantare l'inno. L'Inghilterra non si è però fatta spaventare né frenare e, se necessario, ha mandato un segnale chiaro alle rivali del girone B di questi Mondiali di Qatar 2022 e alle pretendenti al titolo. Il 6-2 finale all'Iran firmato da Bellingham, Sterling, Rashford, Grealishe dalla doppietta di Saka è fin troppo limitante per il predominio avuto dai Tre Leoni di Gareth Southgate in questa gara. Di Taremi, sfruttando un infortunio di Maguire e un rigore generoso, i gol iraniani che però non cambiano il senso della vittoria inglese.

DOMINIO INGLESE - L'Inghilterra è stata padrona del campo per praticamente tutta la partita e, superati i 14 minuti di stop per l'infortunio al naso del portiere Beiranvand, e incassata la traversa di Maguire, ne sono bastati pochi altri a Jude Bellingham per sbloccare un equilibrio rimasto precario solo sulla carta: al 35' il centrocampista del Borussia Dortmund si inserisce a centro area e batte di testa Hosseini per l'1-0. L'Iran barcolla e nel finale di frazione incassa due gol in due minuti, prima con Saka che spara all'incrocio su sponda aerea di Maguire, e poi con Sterling che da punto devia al volo il cross dalla destra di Kane.

QUEIROZ SBAGLIA - Il 3-0 all'intervallo è in realtà un risultato bugiardo perché Queiroz, con il suo 5-4-1 coperto e chiuso, ha azzerarto la pericolosità offensiva iraniana concedendo a Southgate il dominio del campo e del gioco. E così, con i cambi conservativi di inizio ripresa, il copione non cambia e il 4-0 arriva a firma ancora di Saka (raggiunto Enner Valencia fra i cannonieri in questi Mondiali) bravo a fintare 3 volte il tiro accentrandosi dalla destra e battendo Hosseini.

TAREMI E LA GOLEADA - Nel nulla della partita dell'Iran l'unico lampo arriva al 66' con Taremi che sfrutta uno svarione difensivo di Maguire (sostituito poco dopo per un leggero malore) e batte Pickford di potenza sotto l'incrocio. Il 4-1 è però un fulmine nel deserto perché Southgate cambia, inserisce Foden, Grealish e Rashford e proprio la punta del Manchester United chiude i conti in 49 secondi con il gol del 5-1 che fa uscire gli asiatici definitivamente dalla gara. Nei minuti finali a fara ampiamente conclusa perima Grealish segna il gol del 6-1 a porta vuota su assist di Wilson e poi Taremi rende su rigore meno amaro il parziale con il 6-2 finale (capocannoniere anche lui). Unica nota curiosa? I 26 minuti complessivi di recupero della gara (14 nel primo e 12 nel secondo tempo), un record.