Commenta per primo
Per la seconda volta consecutiva, le Aquile di Cartagine, come vengono chiamati i giocatori della Tunisia, parteciperanno al Mondiale. Solo nei primi anni duemila (2002-2006), avevano raggiunto questo risultato. In totale sono sei le volte in cui la nazionale africana si è qualificata alla competizione più importante del mondo. Segnale quindi di come quello attuale sia uno dei periodi migliori nella storia di questo paese a livello calcistico.

Da quando Jalel Kadri si è seduto sulla panchina della Tunisia, ovvero da gennaio 2022 (in precedenza era il vice di Kebaier), la sua squadra ha perso solamente una partita. L'ultima disputata contro il Brasile, mentre nelle altre sette sono arrivate cinque vittorie e due pareggi. In Russia, quattro anni fa, le Aquile si fermarono ai giorni complice anche un gruppo proibitivo con Belgio e Inghilterra anche se contro quest'ultimi sfiorarono il pareggio. Arrivò la vittoria con il Panama ma non la qualificazione agli ottavi; chissà se questa volta, nel gruppo G con Francia, Danimarca e Australia sarà l'occasione per superare la prima fase per la prima volta nella sua storia, missione complicata ma non proibitiva come quattro anni fa. 

LA ROSA 

PORTIERI: Dahmen, Hassen, Balbouli, Said. 

DIFENSORI: Drager, Kechrida, Ifa, Talbi, Bronn, Meriah, Ghandri, Maaloul, Abdi. 

CENTROCAMPISTI: Skhiri, Laidouni, Sassi, Chaalali, Romdhane, Hannibal. 
ATTACCANTI: Jaziri, Sliti, Khenissi, Slimene, Jebali, Khazri, Msakni. 

IL CAMMINO - Per l'ultima volta prima del 2026, quando si amplieranno le squadre che parteciperanno al Mondiale, le nazionali africane qualificate sono cinque. La Tunisia, dopo aver vinto agilmente il girone con Guinea, Zambia e Mauritania (4 vittorie, 1 pareggio, 1 sconfitta), ha affrontato ai playoff il Mali. Una qualificazione sofferta e forse inaspettata, ottenuta vincendo l'andata in trasferta 1-0 con lo 0-0 nella gara di ritorno. 

IL CALENDARIO - 

Martedì 22 novembre, ore 14: Danimarca-Tunisia.
Sabato 26 novembre, ore 11: Tunisia-Australia.
Mercoledì 20 novembre, ore 16: Tunisia-Francia.

LA STELLA - Senza dubbio, il giocatore più rinomato è Ellyes Skhiri, centrocampista del Colonia da ormai tre stagioni dopo essere esploso in Francia, nel Montpellier. Tre gol in 48 presenze per il 27enne, metronomo nel centrocampo a tre della Tunisia. Non solo il giocatore del Colonia, le speranze del popolo tunisino sono riservate anche sui due esterni offensivi. Il talentuoso Youssef Maskni (17 gol con la nazionale) costretto a saltare per infortunio l'ultimo mondiale e Naim Sliti, per tanti anni protagonista in Francia anche con la maglia del Lille. Tra i volti conosciuti, anche Dylan Bronn, difensore centrale della Salernitana.