Commenta per primo
“Firenze sa essere entusiasmante e le cose non succedono mai per caso. La serata di domenica sera ne è un'emblema. In una situazione nebulosa il pubblico ha applaudito perché apprezza Montella e il suo gioco". Così l’ex  tecnico e tifoso gigliato Emiliano Mondonico ospite di Lady Radio. 
"Montella aveva delle certezze, cioè andare in un altra direzione. –ha aggiunto Mondonico - Questi applausi hanno innescato in lui dei dubbi, ma non so se basteranno. Bisognerà vedere come verrà potenziata la rosa. Bisogna, tuttavia,stare attenti quando esamini una rosa a tua disposizione: spesso basta cambiare il tono della voce per avere dalla squadra qualcosa in più di quello che hai già dato. L'esempio di Conte alla Juventus è emblematico. Secondo me il ciclo non è finito, è appena cominciato". 
E sui giocatori da cui ripartire Mondonico ha concluso: " E' necessario partire da un modulo base. Montella ha giocato sia a 3 che a 4. Dietro la Fiorentina deve giocare di reparto e non come singoli. Credo che la fase difensiva sia l'arma principale per un miglioramento della squadra. Davanti poi è necessario chiarezza: la Fiorentina ha bisogno di un centravanti alla Palacio, non alla Llorente. Per questo non vedo bene Gomez nel futuro viola".