180
La pesante umiliazione rimediata dalla Roma in Conference League contro il Bodo Glimt ha segnato la rottura tra José Mourinho e una parte della squadra. Lo Special One ha usato il pugno duro contro quei giocatori colpevoli, a suo modo di vedere, della sconfitta rimediata in Norvegia. Reynolds, Kumbulla, Villar, Diawara e Borja Mayoral hanno assistito al pareggio rimediato contro il Napoli dalla tribuna dell’Olimpico. Una decisione che va molto in controtendenza rispetto all’abile stratega ammirato nella prima esperienza italiana sulla panchina dell’Inter quando cercava sempre il nemico fuori dallo spogliatoio, isolando la squadra da possibili condizionamenti esterni. 

RISCHIO SVALUTAZIONE - I cinque esclusi possono legittimamente essere dei giocatori considerati poco adatti all’idea di gioco di Mourinho, questo è assolutamente pacifico. Ma considerarli gli unici responsabili della debacle è una forzatura. La Roma ha subito ben quattro gol dal Bodo Glimt nella seconda frazione di gara con i campo quasi l’intera formazione titolare. La sensazione è il tecnico di Setubal abbia voluto lanciare un messaggio alla società, senza considerare i possibili risvolti che questa sua presa di posizione può avere sul mercato. Tiago Pinto aveva già provato la scorsa estate a vendere Diawara e Villar, incontrando delle difficoltà quasi insormontabili. Ora ci domandiamo quale potrebbe essere la valutazione dei due al netto delle ultime vicende che li hanno visti protagonisti?

COME CAMBIA IL MERCATO - Per quanto concerne Diawara se questa estate si partiva da una valutazione di 14 milioni di euro, oggi il mediano ex Napoli non vale più della metà. Stesso discorso per Villar: lo spagnolo poteva generare una ricca plusvalenza in estate, ora sarà difficile ricavare una cifra superiore ai 4 milioni di euro sborsati due anni fa all’Elche. La Roma proverà a cederli a titolo definitivo ma la missione si presenta molto difficile. Un altro caso molto complesso è quello relativo a Kumbulla: nell'estate 2020 fu messo a bilancio per 29.5 milioni di euro, a gennaio lo sarà per 18,65 milioni. Inevitabilmente, a gennaio potrà andare via solo in prestito o mettendo in conto una decisa minusvalenza. Identico discorso per l’americano Reynolds, strappato alla Juventus al termine di un lungo duello di mercato. Ieri la Roma aveva oltre 50 milioni di cartellino sugli spalti, anche questo è un fattore che la società non può sottovalutare considerando i recenti problemi di bilancio.

Segui tutte le partite di Serie A TIM della Roma su DAZN. Attiva ora