8
Thomas N'Kono è attualmente il preparatore dei portieri dell'Espanyol. In carriera però ha condiviso molto con André Onana, il portiere che ieri ha svolto le visite mediche per conto dell'Inter. Attraverso una lunga intervista concessa a La Gazzetta dello Sport ha raccontato a 360° il nuovo acquisto nerazzurro.

LE OFFERTE - "Non so cosa possa avergli offerto l'Inter. ​Arriva in una squadra che in porta ha una leggenda che sta terminando la propria carriera: dovrà armarsi di pazienza e forza mentale e dimostrare sul campo chi è il migliore per cercare di accelerare la transizione, che penso sarà dolce e non so quanto sarà lunga. Starà ad André accorciare i tempi".

ONANA E LA TRADIZIONE DEI PORTIERI AFRICANI IN SERIE A - "Il calcio è cambiato: in Italia non si gioca più di rimessa, tante squadre, e l’Inter per prima, vogliono costruire dal basso e Onana si muove molto bene in questo territorio. A livello personale e nazionale considero un onore poter avere un camerunese in uno dei grandi club europei, in Italia dovrà continuare a crescere. André non ha nulla da invidiare a nessuno nel gioco con i piedi".

I PORTERI AFRICANI - "Hanno caratteristiche innate come l’esplosività, la rapidità, la forza, manca sempre qualcosa nel posizionamento. Se migliorano diventeranno ottimi portieri".