8
Uno dei più grandi assenti nelle ultime settimane in casa Napoli è Dries Mertens. Il belga nel 2020 non è ancora sceso in campo, avendo disputato la sua ultima gara lo scorso 22 dicembre, subentrando al minuto 77 ad Arek Milik. Poi l'infortunio all'adduttore che si è rivelato più serio del previsto e ha imposto un consulto in Belgio. Oggi il giocatore è tornato ad allenarsi a Castel Volturno, anche se ha svolto principalmente lavoro personalizzato e contro la Fiorentina non ci sarà. L'obiettivo di Gennaro Gattuso è ritrovarlo nell'importantissima sfida casalinga contro la Juventus del prossimo 26 gennaio.

IL GOL MANCATO - Il suo rendimento in campo non è stato dei migliori nell'ultimo periodo ed il suo calo è combaciato con la flessione generale di tutto il Napoli. Sono solo 9 le reti messe a segno in questi primi mesi di stagione. Ma il dato incredibile lo si registra in campionato: solo 4 le volte in cui ha trovato la via del gol. Di cui l'ultimo risale al 27 settembre. L'ultima stagione in cui ha segnato di meno in questo momento del campionato è stata quella 2015/16, quando sulla panchina del Napoli c'era Sarri e lui partì titolare solo quattro volte. Eppure le aspettative quest'anno erano veramente alte. Il primo step era stato superato, scavalcando Maradona nella classifica all time di marcatori con la maglia del Napoli. Mertens ha messo nel mirino anche Marek Hamsik, arrivando a 118 gol, -3 dall'ex capitano azzurro. L'obiettivo è ancora percorribile, ma c'è da valutare ancora il suo futuro.

IL FUTURO - Mertens ha il contratto in scadenza il prossimo giugno, dopodiché potrà accasarsi con un'altra squadra. È questa l'impressione che si ha del futuro del belga. Il rinnovo con il Napoli non è affatto vicino e questo potrebbe anche aver influenzato il suo rendimento in campo negli ultimi mesi. In Italia ci sono Inter e Roma pronte a fiondarsi sul giocatore, mentre all'estero vanno segnalate le sirene inglesi, con l'Arsenal che si è inserito in maniera importante negli ultimi giorni. Tra campo e mercato, da risorsa fondamentale della squadra il belga si è convertito in una vera e propria incognita.