1
Segnerà anche poco ma in mezzo al campo è diventato insostituibile. Jonathan De Guzman è uno dei tanti volti felici di questo Napoli. Acquistato per essere una sorta di jolly da infilare dentro quando necessario, si è ritagliato tanto spazio. Da quando Benitez ha deciso di dare equilibrio alla sua formazione. Assente Insigne per infortunio, si pensava che Mertens dovesse avere vita facile da titolare. Siccome il ballottaggio era sempre tra loro due il belga aveva tirato un sospiro di sollievo. In squadra c’era De Guzman che avrebbe potuto dare di più dal punto di vista della copertura. E così è stato.

Dalla Supercoppa vinta a Doha in poi l’ex Swansea è diventato un titolare al pari degli altri big. A sinistra garantisce una spinta notevole ma al tempo stesso va a fare il centrocampista aggiunto. In questo modo non ingolfa la zona di Hamsik e consente al reparto nevralgico di avere un elemento in più. “Se segnasse sempre varrebbe 30 milioni di euro”, ha detto Benitez dopo la sfida con il Genoa. L’olandese in quella partita aveva avuto molte occasioni per chiuderla prima del previsto. Sta di fatto che non spetta a lui fare i gol.