Commenta per primo

Cavani-Borriello, questo il 'duello' di Napoli-Roma. Un centravanti puro (il romanista) e un giocatore di fantasia che adesso è diventato anche un cecchino perfetto (l'azzurro). Mai come quest'anno i colpi di mercato si stanno rivelando trascinatori della rispettive squadre. Ibrahimovic al Milan, Cavani al Napoli, Borriello alla Roma e Krasic alla Juventus. Due di questi saranno faccia a faccia in un match importantissimo che potrebbe essere fondamentale per il proseguo del campionato. Inutile girarci intorno: la stagione sarà anche all'inizio, ma continuare a salire e scendere non fa bene a nessuno, e sia Napoli che Roma hanno bisogno di trovare la loro strada e dare continuità ai risultati.

Al San Paolo ci sarà il tutto esaurito, un clima caldissimo per una partita che potrebbe essere la svolta definitiva. Definirli attaccanti oggi è riduttivo: sono leader e beniamini di un pubblico che li ha amati fin dal primo minuto e che vede ripagato tutto questo affetto. Sono spine nel fianco delle difese avversarie, e proprio qui potrebbe risolversi la partita. Sia la Roma che il Napoli, infatti, hanno qualche problemino in retroguardia. Troppi gol subiti da entrambe: c'è qualcosa da mettere a punto, ma il tempo è poco. E mentre le difese hanno bisogno di una revisione, in avanti c'è solo da scegliere.

Borriello e Cavani, stessa importanza ma storie diverse. Uno arriva dal Milan ma ha Napoli nel cuore: il giallorosso è cresciuto a San Giovannni a Teduccio, che è pronto a festeggiarlo. La madre vive ancora lì, e lui è amatissimo. Borriello è ritenuto uno dei giocatori più belli della serie A, spesso sulle prime pagine dei giornali dedicati al gossip e inseguito dalle ragazze. Diversa, invece, la storia dell'ex palermitano: uruguayano ma di origini italiane, visto che il nonno paterno, che aveva lavorato in Sicilia, era originario di Maranello. Mai al centro di uno scandalo. Classe '87, è un re a soli 23 anni.

Per capire quanto siano importanti per i compagni e i tecnici, basta guardarsi indietro di solo due-tre giorni. Borriello ha siglato un eurogol contro il Cluj, la rete della vittoria (era il 2-0, poi i rumeni hanno accorciato le distanze); Cavani ieri non è riuscito a far avere tre punti al suo Napoli, ma ha siglato un 3-3 in rimonta entusiasmante, e solo domenica aveva ribaltato il risultato a Cesena. Valgono oro, sono punti materializzati... Racconti diversi, ma con uno stesso risultato: vincere. La curiosità è che entrambi sono arrivati nelle nuove città in prestito, ma con il fatidico riscatto obbligatorio...