Commenta per primo
La settimana che si è appena conclusa porta novità importanti in casa Parma, sia dalle Nazionali che dalla programmazione futura. Partiamo dal calcio giocato, stavolta lontano dalla città emiliana, che ha visto protagonisti due giocatori fondamentali per la squadra di D’Aversa. Il primo è Dejan Kulusevski, gioiello svedese arrivato in estate in prestito secco dall’Atalanta. Per lui una gran doppietta con l’Under 21 svedese contro l’Islanda nel match finito con il largo risultato di 5-0. Kulusevski si conferma una mezz’ala offensiva che vede gli inserimenti dei compagni (già tre assist in campionato, su tutti il passaggio filtrante per Cornelius contro il Sassuolo) ma anche la porta (a segno contro il Torino per la sua prima rete in maglia crociata). Il giovane classe 2000 a Parma gioca nel tridente. Abbiamo capito perché. D’Aversa ci ha visto bene fin dal primo match contro la Juventus. Kulusevski ha tecnica e personalità e sicuramente diventerà un giocatore importante, prima per i crociati, poi per la squadra bergamasca. 

C’è un altro giocatore con il fattore KU. Si chiama Juraj Kucka ed è un pezzo da novanta per il centrocampo ducale. Non ancora nel pieno della forma come il compagno Kulusevski, Kuco si è tolto la grande soddisfazione di andare in rete con la Slovacchia nel match valido per le qualificazioni ad Euro 2020. Se anche lui arriva vicino al 100% in poco tempo, ecco un elemento insostituibile nello scacchiere di D’Aversa. Il Kuco della scorsa stagione potrebbe fare molto comodo tra corsa, fase difensiva e fase offensiva. Poi Kucka ha anche l’abitudine di trovare spesso la via del gol e dal match giocato in Nazionale arrivano senz’altro spunti positivi. 
Si guarda anche al futuro in casa crociata e finalmente le voci di un rinnovo di Gervinho sono realtà. Nero su bianco, rinnovo fino al 2020 per un calciatore che quando è in giornata positiva ti risolve tutti i problemi in fase offensiva. Gervinho sposa (nuovamente) il progetto Parma, allontanando una volta per tutte le voci di mercato. Il 27 crociato ormai è parte integrante del Parma di D’Aversa e con la firma sul contratto i tifosi gialloblu possono dormire sonni tranquilli. Uno dei giocatori più importanti della rosa crociata farà ancora parte di un gruppo rodato che ormai conosce la Serie A, nonostante ci sia un solo anno di esperienza per molti calciatori. Con tre giocatori così ci sarà da divertirsi e il Genoa è nel mirino. Domenica prossima c’è la brutta prestazione di Ferrara da cancellare e tre punti da prendere al volo