Calciomercato.com

  • Pioli: 'Derby perso un nuovo inizio, Juve favorita per lo scudetto'

    Pioli: 'Derby perso un nuovo inizio, Juve favorita per lo scudetto'

    • Redazione CM
    Stefano Pioli, allenatore del Milan, ha parlato così alla vigilia della sfida contro la Lazio: "Domani affrontiamo una grande squadra, con un ottimo allenatore. Hanno grande qualità e velocità, al di là del loro momento, è un avversario da rispettare, difficile da affrontare. Stiamo bene, vogliamo trovare la giusta continuità per fare bene in campionato e in Champions. Ci dobbiamo concentrare solo su domani. Abbiamo sempre vissuto con equilibrio i momenti negativi e quelli positivi. Il derby non era la fine del nostro percorso, ma un nuovo inizio da cui ripartire. Ora non siamo perfetti, non siamo impeccabili, ma possiamo mettere in campo domani la nostra miglior prestazione"..

    LEAO - "Se uno sbaglia un passaggio non vuole dire che ha preso sotto gamba una partita. Ovviamente uno come Rafa deve sbagliare il meno possibile". 

    VETTA - "La vetta ora non conta nulla, conta solo la voglia di fare bene. Siamo solo all'inizio, ci saranno ancora tante partite e delle difficoltà da superare. Sono convinto della qualità dei miei giocatori, ma dobbiamo andare avanti così. Dopo la sosta è iniziata una nuova stagione, per restare in alto bisogna essere forti in tutto. Ora pensiamo solo a domani". 

    ADLI - "Ha avuto grande pazienza e anche grande forza mentale visto che giocava poco. Da mezzala cercavamo giocatori con caratteristiche diverse, quindi gli ho detto che rimaneva il ruolo di mediano davanti alla difesa insieme a Krunic. Aveva bisogno di tempo per capire una nuova posizione e nuove costruzioni sia in fase di possesso che di non possesso: sulla trequarti si gioca in un modo, da mediano in un altro. Sappiamo che non può essere ancora perfetto in quella posizione, ma con la sua disponibilità si può fare un ottimo lavoro. Il fatto che lui sia convinto di poter trovare spazio è ottimo per chi gioca a questo livello".

    MUSAH - "Può giocare in tutte e tre le posizioni. Ha caratteristiche diverse da Krunic e Adli, mentre ha qualità di inserimento quando giocherà più avanti. Ha caratteristiche che ci serviranno tanto, è uno completo e dovunque lo utilizzerò sarà importante per la squadra".

    BENNACER - "Bennacer tonerà a metà ottobre per fare un lavoro un po' più specifico, ma non ci sono tempi specifici. I tempi sono ancora abbastanza lunghi".

    REIJNDERS - "Sì può farlo anche lui, ma credo che la sua posizione e quella di Loftus ci stanno dando tanto in questo momento. A me piace tanto Tijjani quando si muove nel campo: fissarlo in una posizione più di costruzione secondo me significherebbe limitarlo".

    DIFESA - "L'infortunio di Kalulu non ci voleva. Ho tre centrali perchè Pellegrino ha bisogno ancora di un po' di tempo. Valuterò di partita in partita tra i tre centrali che ho. Tomori imprescindibile? Io spero che il Milan non sia imprescindibile da nessuno. Non vogliamo diventare schiavi di nessuno. Il club è stato bravo a prendermi tanti giocatori forti e i nostri principi non cambiano a seconda di chi gioca".

    CHUKWUEZE - "Sa bene quello che deve fare e lo ha fatto a Cagliari. Da uno come lui ci aspettiamo anche dei gol, ma sta crescendo". 

    CRITICHE - "Io quando è uscito il calendario non ho guardato troppo avanti. Ho pensato a preparare ogni singola partita. Inutile parlare delle critiche: siamo il Milan, vogliamo vincere ed essere competitivi. Il club sta portando avanti un percorso meraviglioso, in grado già di vincere e di mettere a posto i conti. Tutti stanno lavorando molto bene. Siamo il Milan, sono alti gli elogi e anche le critiche. Fa parte del nostro lavoro".

    SCUDETTO - "A fine maggio sapremo chi sarà stato il migliore. Ci sono quattro squadre che lotteranno per lo scudetto, con la Juve favorita perchè non giocare le coppe ti porta dei punti". 

    OKAFOR - "Lo conoscevo da esterno ma volevo testarlo come punta centrale. Lui è stato molto disponibile. Sono contento di quello che ha fatto a Cagliari. Ovviamente ha caratteristiche diversa da Giroud, così come da Jovic. Potremo giocare anche con due punte in alcune partite".

    Altre Notizie