Commenta per primo

Cesare Prandelli si gode la qualificazione a Euro 2012. All'indomani della sofferta vittoria con la Slovenia, il ct dell'Italia ha dichiarato in conferenza stampa: "Dopo un anno abbiamo scollinato, ma il mio Europeo comincia già oggi. Sbaglia chi pensa che ora ci sono sei mesi di vacanze e poi ci rivediamo a giugno. Un pregio di questa Nazionale è la disponibilità, la voglia di sentirsi coinvolti in questo progetto. Dal punto di vista del lavoro fatto in campo, ho avuto dai giocatori la voglia di sempre e con serietà. In Polonia e Ucraina dovremo essere protagonisti. Fa bene Pirlo a dire che possiamo vincere, ma io non mi sento di fare proclami. Per arrivare pronti a quell'appuntamento, dobbiamo lavorare sin da oggi con una concentrazione da Europeo".

"Ormai ho capito che la nazionale è una parentesi per mesi, poi all'Europeo tutti hanno sulle spalle la maglietta azzurra. Legittimo che durante il campionato ci siano altri interessi, ma io chiedo solo qualche ora in più di lavoro a disposizione. Di avere un giorno a settimana a disposizione per reparto, neanche tutti insieme, vedrete che qualcosa faremo".
Capitolo Balotelli: "Ieri la gente lo ha acclamato allo stadio per quel sorriso che aveva regalato ai detenuti di Sollicciano. Quando sei in grado di regalare un'emozione, questo non ha prezzo. Cosa mi aspetto da lui? Ora deve pensare solo a fare il calciatore, nel Manchester City avrà una concorrenza spietata, ma con serietà e costanza metterà in difficoltà Mancini".