Commenta per primo

Undici reti segnate in due partite, sei punti conquistati e il miglior calcio d'Italia a livello giovanile. Di chi stiamo parlando? Della Lazio Primavera di Alberto Bollini. Una vera e propria macchina da gol, con un interprete d'eccezione, Tommaso Ceccarelli. Il bomber classe 1992 ha già messo a segno cinque reti nei primi 180 minuti stagionali. E' nel giro della prima squadra (Reja lo ha convocato in ritiro ad Auronzo di Cadore e per il ritorno del match di Europa League con il Rabotnicki, senza però impiegarlo) e in estate era stato richiesto da diversi club di serie B. La Lazio lo ha bloccato, tenendolo a Formello e facendogli disputare il suo terzo campionato Primavera. Ma la speranza è di vederlo presto esordire con Mauri e compagni.

 
Non c'è però solo Ceccarelli in questa meravigliosa Lazio. Cavanda è ormai stabilmente aggregato alla prima squadra e quando torna tra i suoi pari età fa davvero la differenza. Il partner d'attacco di Ceccarelli è l'uruguaiano Gonzalo Barreto (tripletta sabato con il Bari), anch'egli apprezzato da Reja e in odore di grande salto. Non vanno poi dimenticati il terzino Crescenzi e l'altra punta Rozzi. Bravissimi e molto duttili. 
 
Insomma,la squadra è davvero di valore ed è la favorita (con la Roma) nel girone C, dove per il momento condivide la testa della classifica con la sorprendente Reggina. I cugini giallorossi sono avvisati.