12
Dopo il fallimento del Trapani potrebbe esserci un'altra società ad alzare bandiera bianca. E, anche in questo caso, si tratta di un club dalla grande storia: il Livorno. Dopo il passaggio di proprietà infatti non è stata versata la fideiussione necessaria a salvare la squadra, secondo quando riportato da Sky Sport. A mancare sono la quota promessa da Cerea Banca e i finanziamenti deliberati dai soci, che non sono stati versati nei tempi previsti. E ora le lancette dell'orologio hanno iniziato a correre a velocità sostenuta, con il tempo a disposizione del club che è sempre meno.

LA SITUAZIONE - Al momento la situazione del Livorno è disperata, con i pagamenti che dovranno essere effettuati in tempi brevissimi per salvare il club da un fallimento che avrebbe del clamoroso considerati anche i discreti risultati sportivi degli ultimi anni del club toscano. Nel caso in cui la fideiussione non dovesse arrivare a strettissimo giro di boa, il Livorno verrebbe escluso dal campionato, con i giocatori che potrebbero svincolarsi già a partire da questa settimana. Purtroppo questo è solo l'ultimo di una serie incalcolabile di campanelli d'allarme sullo stato di salute del calcio italiano, che continua a perdere i pezzi in mezzo al disinteresse generale delle istituzioni non impegnate sui campi di Lega Pro. 

GIRONE A - E mentre fuori dai campi si consumano i drammi di alcune delle società più nobili del nostro calcio, le partite proseguono senza sosta, con il quarto turno di campionato che si è concluso ieri sera con il posticipo tra Alessandria e Novara. I grigi hanno deluso ancora una volta, incassando un'altra sconfitta con una rete beffarda negli ultimi secondi di partita. Avvio di stagione davvero deludente per l'Alessandria che partiva come favorita del girone ai blocchi di partenza e che dopo quattro gare paga già un ritardo di sei lunghezze dalla vetta. Fatica anche la Carrarese, che non va oltre l'1-1 in casa con il Piacenza, mentre approfitta delle difficoltà delle due favorite il Lecco, che liquida il Como con un netto 3-0 e mantiene il primato solitario a +1 su Novara, Grosseto e Renate.
GIRONE B - Pirotecnico 4-2 per la Feralpisalò che porta a casa tre punti d'oro dalla trasferta di Cesena, con due reti arrivate negli ultimi minuti di gioco. Vince anche il Modena, che tiene la testa della classifica proprio insieme agli uomini di Pavanel, con il Suditrol che perde il primato a causa del pareggio interno contro il Gubbio. Trova la seconda vittoria consecutiva anche il Padova, 1-0 in casa della Fermana, con la classifica che rimane cortissima, con dodici squadre racchiuse in appena tre punti. 

GIRONE C - Prosegue la marcia a tappe serrate del Bari, che non lascia nemmeno le briciole alla Viterbese: 3-0 e tre punti che permettono al club di De Laurentiis di tenere la vetta del girone, a +1 sulla grande sorpresa stagionale Turris, capace di portare a casa il massimo con il minimo sforzo dal campo del Bisceglie. Chi invece continua a deludere è il Palermo, sconfitto in casa da un buon Avellino, che resta invischiato nelle zone bassissime della classifica, con appena un punto totale. Poco, troppo poco per chi porta sulla maglietta uno degli stemmi più importanti del calcio italiano...