Commenta per primo

La sua partita, mai come stavolta. Fiorentina-Roma è un bivio decisivo nella già tormentata storia di Luis Enrique sulla panchina giallorossa. È la partita che segue una sconfitta bruciante a Udine, il caso-Osvaldo e dall'altra parte c'è proprio il tecnico che sarebbe potuto arrivare a Trigoria al posto dello spagnolo: Delio Rossi, l'uomo di Sabatini e da tutti indicato come possibile sostituto di Luis Enrique fino a quando non è stato chiamato dalla Fiorentina.

I due tecnici hanno usato approcci opposti per curare problemi simili. Il condottiero viola si è chiuso in ritiro da giovedì con i suoi e ieri è stato raggiunto dal patron Andrea Della Valle: il club ha speso gli ultimi giorni a multare i vari giocatori coinvolti in «bravate». Cerci è out, i fantasmi per LuisEnrique hanno le facce di Gilardino e del recuperato Jovetic. L'allenatore spagnolo, dopo l'esclusione di Osvaldo sulla quale non intende tornare indietro, è stato più morbido rispetto a Rossi con i suoi giocatori: ha annullato la seduta di allenamento di mercoledì. La sera prima la squadra si è riunita a cena al completo. Senza di lui. Luis Enrique è più solo e meno sereno rispetto all'inizio della stagione. Qualche segnale di insubordinazione, il nervosismo testimoniato dal caso Osvaldo-Lamela, la reazione scettica del gruppo alla sua scelta di escludere l'argentino a Firenze, il malumore crescente dell'ambiente: tante situazioni che hanno aumentato il peso sulle spalle di Luis Enrique. Come se non fosse già abbastanza:«Il progetto è basato quasi tutto su di lui» ha ricordato De Rossi. E se dovesse andare male domani? Apriti cielo. Il processo a Luis Enrique sarebbe ancora più aspro. La società continuerà a proteggerlo, in caso estremo sarebbe lo spagnolo a farsi da parte.

Oggi, intanto, è chiamato alle prime scelte anti-viola con la lista dei convocati: oltre a Burdisso, Kjaer, Rosi, Pizarro e Borini rischia di restare fuori Cassetti che ieri non si è allenato per un problema al tendine. . In pratica mezza difesa è fuori, due tra Perrotta, Taddei e Josè Angel dovranno occuparsi delle fasce, Heinze-Juan unica possibile coppia in mezzo. A centrocampo c'è il dubbio sulla posizione di Pjanic, i nodi più intricati riguardano l'attacco: Totti e Borriello sono disponibili ma non al top, Lamela frastornato, Bojan l'unico sicuro di un posto. Oggi torna a Roma DiBenedetto in vista della gara di Firenze (sarà in tribuna) e del cda della prossima settimana che ratificherà i contratti firmati da Baldini e Fenucci (ieri), rispettivamente un quadriennale da 600mila euro e un triennale da 400mila, e convocherà l'assemblea di gennaio per l'aumento di capitale da 50 milioni di euro. Soldi freschi per rimettere a posto un bilancio disastrato.