821
All'Olimpico, in un match valido per la seconda giornata di Serie A, la Roma batte la Juventus per 2-1, grazie alle reti di Pjanic e Dzeko, alle quali i bianconeri replicano con Dybala. Vittoria netta quella dei giallorossi, al di là del punteggio, contro una Juve sempre sulla difensiva, a parte il disperato assalto finale. I bianconeri, già sconfitti all'esordio dall'Udinese, non perdevano le prime due gare di campionato dal 1912: nella Serie A a girone unico è la prima volta in assoluto che la Juve si trova a zero punti dopo le prime due giornate. 

PRIMO TEMPO - Si parte ed è subito tempo di moviola: su un cross di Iago Falque in area bianconera, prima Dzeko atterra Chiellini e poi Mandzukic sgambetta Florenzi. L'arbitro Rizzoli lascia correre tutto, Garcia si arrabbia. Al 7', il primo tiro verso la porta è della Roma: Iago ruba palla a Pogba e scaglia un sinistro da fuori area, di poco alto sulla traversa. La prima conclusione in porta della Juventus è una ciabattata di Pogba al 15': palla fuori. Al 23', dopo una bella azione corale, la palla arriva a Pjanic, che con una bella conclusione dal limite dell'area centra il palo alla destra di Buffon. Al 38' ancora Pjanic: una sua punizione dalla lunga distanza viene bloccata a terra da Buffon. 
SECONDO TEMPO - In avvio di ripresa, sugli sviluppi di un corner, sponda di Chiellini di testa, la palla finisce a Caceres, che calcia malissimo a lato. Al 56' ancora un'occasione per Pjanic: dopo un tiro di Nainggolan stoppato dalla difesa bianconera, il bosniaco calcia debolmente di sinistro, Buffon ha vita facile. Dopo tre minuti, ancora di sinistro, tocca a Dzeko impegnare il portiere bianconero alla parata, stavolta non facile. Il gol della Roma è nell'aria è arriva al 61', grazie a una magistrale punizione di Pjanic. Un minuto dopo, fallo di mani di De Rossi al limite dell'area: i giocatori della Juve chiedono il rigore, Rizzoli concede la punizione dal limite, che Dybala calcio sopra la traversa. Al 70' Juve pericolosa con Pogba, che di testa sfiora il palo alla destra di Szscesny. Poi è Nainggolan a impegnare Buffon alla parata in angolo, con un potente destro dalla distanza. E subito dopo la Juve resta in dieci: nel giro di tre minuti, Evra rimedia due ammonizioni e lascia la sua squadra in dieci. Ne approfitta subito Dzeko, che con un imperioso stacco di testa segna il secondo gol della Roma. Nel finale di gara, la squadra di Garcia sfiora anche il terzo gol, con Iago Falque. Invece, improvviso, arriva il gol della Juve: servito da Pereyra, Dybala appoggia in rete da due passi. E durante il recupero, su un colpo di testa di Bonucci, Szscesny salva la sua porta da un pareggio che sarebbe stato clamoroso.