Poche settimane fa, il 14 giugno, Ricky Alvarez, il nuovo acquisto dell'Inter, parlò in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.com, parlando del suo sogno di giocare in Europa. Anche allora si parlava dell'Inter, anche se la Roma in quel momento sembrava in vantaggio. Il sogno di Ricky, comunque, si è realizzato! 

14/06/2011

E' una delle promesse del calcio argentino e come per tutte le promesse, un trasferimento in Europa è dietro l'angolo. Mancino, talentuoso e di 23 anni, Ricky Alvarez, trequartista classe 1998, è seguito da alcuni fra i club più importanti del mondo. Si parla dell'Inter, del Manchester United e anche dell'Arsenal, ma soprattutto della Roma, che nella ultime ore sembra aver sbaragliato la concorrenza. Chi lo vuole dovrà sborsare 15 milioni di euro al Velez Sarsfield, neocampione d'Argentina. Intanto, Alvarez parla in esclusiva a Calciomercato.com.

Ricky, come ci si sente ad essere una parte importante del Velez campione?
"E' una grande felicità aver fatto parte di questo gruppo. L'ultimo semestre è stato molto faticoso, sia per la Libertadores che per il campionato. Abbiamo lottato su entrambi i fronti e alla fine abbiamo vinto il campionato, che per noi è molto importante".

Sei consapevole di essere, insieme a Erik Lamela, una delle due più grandi promesse del calcio argentino, seguito dai più grandi club europei?
"Sì, ne sono consapevole e ascolto i rumors che mi riguardano, ma resto tranquillo e con i piedi per terra, cercando di migliorare e di proseguire il percorso che mi ha portato fino a qui".

Puoi descrivere le tue caratteristiche per il pubblico europeo?
"Sono un centrocampista offensivo. Mi piace giocare la palla e puntare la porta avversaria. Cerco di cambiare ritmo all'azione e punto ad essere letale in fase di finalizzazione del gioco".

Chi è il tuo idolo?
"Ho sempre ammirato Zidane, un giocatore molto completo con una grande tecnica e abilità. Tento di imitarlo".

In tanti, per caratteristiche tecniche e fisiche, ti paragonano a Javier Pastore...
"Sì, mi ci ritrovo in questo paragone. E' un giocatore incredibile, con caratteristiche simili alle mie. Ma non devo dare tanta importanza ai paragoni. Devo cercare di mostrare il mio stile e il mio modo di giocare".

Ti piace il calcio europeo?
"Sì, lo guardo e mi piace. Tutti i giocatori sudamericani aspirano a giocare in Europa".

E quale sarà il tuo futuro?
"Per ora non c'è niente di concreto. Ci sono alcuni club interessati, ma devo stare tranquillo. Se poi arriverà un trasferimento, ben venga. Per me sarebbe un salto di qualità importante arrivare in Europa, è ciò a cui aspiro".

Ti senti maturo per giocare in Europa?
"Sì, sento di averne le capacità. Ho un'età giusta per fare questo salto e sto aspettando questa opportunità".

Sogni un club in particolare?
"No, nessuno in particolare. Ma tutti, in Argentina, abbiamo il sogno di giocare in un grande club europeo".