Commenta per primo

'Come una pugnalata alle spalle'. Francesco Totti, nel ritiro di Riscone, ancora si chiede perché. Come mai Franco Baldini, futuro direttore generale del club giallorosso, lo abbia colpito senza un motivo vero. Il capitano ne parla con gli amici e i compagni, da oggi anche con il papà Enzo che ha raggiunto la Val Pusteria a tarda sera. Senza perdere il sorriso, come ha fatto in palestra con Daniele De Rossi dopo l'allenamento della mattina. Senza perdere soprattutto il consenso del suo popolo, accanto a lui ieri prima delle 10 per un caffè bevuto tra la gente, con gli occhi ancora gonfi di sonno.

Un caffè insieme con Simone Perrotta e con tanti tifosi giallorossi, prima di togliersi la felpa rossa e di scendere in campo. Foto e autografi in cambio di cori e applausi. E in serata, durante la presentazione della squadra a Brunico, mentre venivano messe all'asta per beneficenza le maglie dei giocatori giallorossi, Totti non si è risparmiato una battuta acida, indirettamente rivolta a Baldini: 'Hanno chiamato dall'Inghilterra, per la mia maglietta hanno offerto mille euro'. Poi scherzando: 'Quella di De Rossi vale dodici euro. Prendetela, è l'ultima'. La acquista De Rossi e la regala ai tifosi. E' stato poi Luis Enrique a pagarne 1.100 per la casacca numero 10 del capitano.

(Il Messaggero)