163
"Voglio un leader in difesa". Con queste parole a metà maggio Roberto Mancini si è presentato dal presidente Erick Thohir, faccia a faccia, in Corso Vittorio Emanuele nella sede nerazzurra. Estenuato da un reparto sempre meno all'altezza nella sua Inter. Che da quel giorno ha cercato concretamente un centrale difensivo da regalare al Mancio che ha già prenotato il colombiano Murillo da mesi. Ma il leader doveva, deve essere un altro. Dal sogno impossibile Benatia alla telefonata allo Stoccarda per Rudiger, sondaggi tanti eppure una sola certezza: Joao Miranda de Souza Filho, per tutti Miranda, la scelta definitiva dell'Inter per un colpo davvero importante in difesa.
 
Chiuso da Josema Gimenez e da Diego Godin nelle nuove idee del Cholo Simeone, Miranda ha chiesto esplicitamente di poter provare un'avventura in un altro campionato. E allora tanti sondaggi, dal Milan al Manchester United passando per il Chelsea, telefonate informative. Ma l'Inter ha scelto di fare sul serio appena ha saputo del via libera dell'Atlético Madrid: nella giornata di ieri è arrivato il contatto ufficiale per la prima offerta che si è avvicinata ai 13 milioni di euro. Il giorno decisivo sarà giovedì, quando è previsto il faccia a faccia tra i due club per arrivare ai 15 milioni di euro che pretende l'Atlético per privarsi del centrale brasiliano che compirà 31 anni nel prossimo settembre.
 
Da parte sua, l'Inter ha già l'intesa con Miranda da qualche giorno. Adesso c'è da definire l'accordo totale con i Colchoneros tra due giorni: l'offerta definitiva dovrebbe toccare quota 15 milioni cash, così da convincere l'Atlético ed evitare nuovi pagamenti. Nessun bonus quindi nella cifra che verrà pagata in più anni e che potrà sbloccare un affare che l'Inter è convinta di riuscire a chiudere. Miranda intanto è in Cile per la Copa America, aspetta una chiamata e ha già dato il suo assenso di massima a un contratto che potrebbe essere fino al 2018. E così Mancini avrà il suo leader di difesa, aspettando giovedì per chiudere. Ed evitare sorprese.