60
Rudi Garcia è pronto a sfidare la Juventus in Champions League. L'allenatore francese del Lione, ex Roma, ha dichiarato in un'intervista al Corriere dello Sport: "Il violino è rimasto nell'armadio quando ho lasciato l'Italia. Mi venne istintivo, volevo difendere la mia squadra da quello che ritenevo fosse un torto. Ma sono cose che succedono, in campo. La mia Roma avrebbe vinto lo scudetto con il Var? Non lo so, ogni epoca fa storia a sé. Come si dice in Francia, con i 'se' si chiude Parigi dentro una bottiglia... Avevo la percezione che la Juventus fosse favorita dagli arbitri? Mai. Ma con il Var gli arbitraggi sono più giusti. Una cosa che noi allenatori chiediamo agli arbitri è di non accontentarsi del silent check. Dovrebbero andare a rivedere tutti gli episodi contestati invece di aspettare in mezzo al campo la conferma, altrimenti l'arbitro vero diventa il Var". 
"Totti? Ne ho sentite tante sul nostro rapporto. Che in realtà è sempre stato buono. Quando firmai per la Roma, gli chiesi se avesse ancora motivazioni alte. Mi rispose che avrebbe desiderato vincere, proprio come me. Totti non è mai un problema, semmai una soluzione. La Roma è rimasta senza di lui, De Rossi e Florenzi? Niente dura per sempre, però fa un certo effetto perché il senso di appartenenza è importante a Roma. Di sicuro se ci fossi stato io come allenatore avrei accompagnato certi campioni all'uscita con un garbo differente. Forse l’addio poteva essere gestito meglio. De Rossi sarà un grande allenatore? Credo di sì. Era uno che leggeva le partite con sapienza già da calciatore. E poi ha un carisma incredibile. Che non significa rompere le scatole agli allenatori. Significa aiutare chi ha bisogno di sostegno. Lorenzo Pellegrini? Siamo legati da un grande affetto. Sono felice di averlo fatto debuttare in Serie A, diventerà un campione". 
 
"Per il mio Lione è una grande occasione, passare il turno sarebbe un vero exploit. Soprattutto senza Depay, che è il nostro Ronaldo. Immaginate la Juve senza CR7, fatte naturalmente le debite proporzioni. Come si ferma Cristiano Ronaldo? Si ferma alla frontiera, se decide che Lione non gli piace e non vuole giocare qui. Scherzi a parte, si può contenere con una fase difensiva di squadra. Inutile ingabbiare lui se devi lasciare spazio a Dybala o Higuain. Dirò a tutti che è un challenge, una sfida. La motivazione dev'essere questa. Anche per me. In realtà io avevo conquistato sul campo l’ottavo di Champions contro il Real Madrid ma non me lo fecero giocare. La Champions è dura, è stato bello già arrivare agli ottavi, ora proviamo a fare quest’impresa. La Juve vincerà la Champions? Non so. Ma so che la loro priorità è riuscirci, dopo tanti scudetti. Non credo che Ronaldo sia andato alla Juve per vincere solo in Italia. Vale lo stesso per il PSG. La mia speranza è che ci sottovalutino: il sorteggio per loro obiettivamente poteva essere peggiore. Juve fischiata dai tifosi? Eppure è in corsa per tutti i traguardi. Per me però è difficile giudicare, conoscevo meglio la Juve di Allegri che ha fatto grandi risultati. Io penso che sia più facile vincere giocando bene. Ma avete visto l’Atletico Madrid e il Borussia Dortmund l’altra sera? Hanno difeso bene, è vero. Ma hanno anche gestito alla grande il pallone. Se ti difendi e basta, perdi. Per me sarà un vero piacere rivedere Pjanic e Szczesny. A Mire non dovremo lasciare spazi perché è un giocatore che fornisce molte munizioni agli attaccanti, senza contare i calci piazzati".