1
Sassuolo-Lecce 4-2
 

 
 
Consigli 5,5: intuisce il rigore di Mancosu e la tocca, ma non a sufficienza per respingerla fuori. Non può nulla sul primo gol.  
 
Muldur 7: ormai si è preso la fascia destra. Più offensivo di Toljan, vede la porta. Seconda rete consecutiva per lui.
 
(dal 38’ s.t. Toljan sv)
 
Marlon 5: attento per quarantacinque minuti, nella ripresa prima si fa ammonire, poi causa un rigore, scivolando addosso a Babacar. Frittatone.
 
Ferrari 6,5: dei due centrali è quello più costante e pulito nell’arco della gara. Nel secondo tempo si procura addirittura un rigore, spintonato da Paz sugli sviluppi di un calcio d’angolo.  
 
Kyriakopoulos 6: la sua miglior prestazione post lockdown è ancora al di sotto delle sue potenzialità.
 
(dall’ 11’ s.t. Peluso 6: torna nel suo vecchio ruolo, terzino sinistro. Gestisce bene l’estro di Falco)
 
Bourabia 6,5: rialza la testa dopo la gara mediocre col Verona. E lì in mezzo si impone.
 
Locatelli 6,5: inventa dopo cinque minuti un assist stupendo per Caputo, ma si addormenta nella propria area di rigore, in marcatura su Lucioni. Sbavatura di una prova comunque positiva.
 
Berardi 7: è freddo dal dischetto, meno quando deve calciare in movimento. Sono undici, per la cronaca. E nel finale aggiunge un assist alla sua prestazione.   
 
Traorè 5,5: primo tempo fin troppo ordinato, quasi scolastico. Sulla trequarti serve più intraprendenza, o quantomeno più fantasia.
 
(dal 1’ s.t. Djuricic 6,5: entra con grinta e viene subito ammonito. Poi sfodera le solite giocate di classe. Virtuoso)
 
Boga 7: prova quasi ottima, impreziosita da un altro gol di mancino.  
 
(dal 38’ s.t. Magnanelli sv)
 
Caputo 7: dopo la panchina di Firenze, segna subito, al quinto minuto. Delizioso il movimento, ancora di più il pallonetto.
 
 
 
 
All. De Zerbi 7,5: ormai il Sassuolo è una macchina da gol. Dopo il lockdown, viaggia a una media simile a quella dell’Atalanta. A tratti è spettacolare, ma la difesa lascia ancora a desiderare.