55
La 32esima giornata del campionato di Serie A, dopo gli anticipi del sabato tra Udinese e Milan (QUI) e Inter e Roma (QUI), prosegue con le gare della domenica: alle 12.30 si parte col match salvezza tra Atalanta ed Empoli, che termina 2-2. Spettacolare la partita all'Atleti Azzurri d'Italia, con gli uomini di Reja che passano in vantaggio con Alejandro Gomez (primo gol stagionale), poi subiscono la rimonta firmata Saponara-Maccarone. Nella ripresa ancora l'attaccante empolese si rende pericoloso colpendo un palo, ma nel finale il solito Denis, con un colpo di testa, firma il gol del definitivo pari, il suo ottavo stagionale (quarto consecutivo). Alle 15 si giocano ben cinque partite: il Parma di Donadoni continua a sorprendere tutti, superando anche il Palermo: decide un gol su rigore dell'ex Nocerino (secondo in stagione), che allontana la matematica retrocessione (gli emiliani hanno perso una sola gara nell'ultimo mese) Si ferma nuovamente la Lazio, che in casa contro il Chievo non va oltre l'1-1: apre Klose, poi Paloschi gela gli uomini di Pioli, che non approfittano del ko della Roma per la corsa alla qualificazione diretta in Champions League. Il Verona chiude il discorso salvezza battendo 3-2 il Sassuolo: dopo l'espulsione del portiere dei veneti Rafael, Juanito Gomez sblocca il match (quarto gol in stagione). Gli ospiti non ci stanno e trovano il pari con un autorete di Moras: sale poi in cattedra Luca Toni, che con una doppietta arriva a quota 17 reti in campionato (raggiunge quota 37, record di marcature in Serie A con la maglia del Verona, LEGGI QUI) e chiude la partita (nel finale accorcia le distanze Floro Flores). Oltre il derby Torino-Juventus (QUI), alle 15 si gioca anche Genoa-Cesena, che vede il successo dei padroni di casa per 3-1: segnano Bertolacci, Perotti su rigore e Pavoletti, di Carbonero il gol degli emiliani. Alle 18 la Fiorentina - reduce dalla qualificazione alle semifinali di Europa League (troverà il Siviglia) - cade al Franchi contro il Cagliari. La doppiettta di Duje Cop e la splenida rete allo scadere di Farias regalano l'1-3 finale ai sardi. A nulla vale il momentaneo gol dell' 1-2 di di Gilardino, tornato a segnare con la maglia viola dopo quattro anni. Per la Fiorentina è la seconda sconfitta consecutiva: Genoa e Torino sono a meno due, mentre l'Inter è quattro punti dietro. Buon esordio sulla panchina rossoblù per Gianluca Festa:  il Cagliari torna a vincere dopo 11 giornate. La salvezza è ancora lontana (7 punti), ma la prestazione di Firenze è comunque un'ottima risposta alle polemiche dell'ultima settimana. La giornata si chiude alle 20.45 con la fantastica vittoria del Napoli contro la Sampdoria. Al San Paolo la squadra di Benitez supera 4-2 i ragazzi di Mihajlovic - probabile erede dello spagnolo in panchina - e si porta a meno due punti dal terzo posto, occupato dalla Roma. E' la Samp però a passare in vantaggio: Soriano trova un grande corridoio per Eder che crossa in mezzo e trova la deviazione fortuita di Raul Albiol. A raddrizzare la gara ci pensa Gabbiadini con la collaborazione di Viviano: la clamorosa papera del portiere dei liguri riporta il risultato in parità. Higuain completa la rimonta con un super gol che vale il 2-1. Nella ripresa gli azzurri chiudono i conti grazie a Insigne, che torna a segnare dopo il brutto infortunio al legamento crociato (l'ultima rete l'aveva realizzata 203 giorni fa contro il Torino). Ancora Higuain poi mette il punto esclamativo, siglando la propria doppietta su rigore, fischiato per un fallo netto di De Silvestri su Hamsik. Quindicesima rete in Serie A per l'argentino e ventiseiesimo gol stagionale (già due in più rispetto alla scorsa stagione): in totale fanno 50 con la maglia del Napoli. Poco prima del fischio finale Muriel rende meno amara la sconfitta con una gran botta da fuori.