A proposito di sexygate, Ronaldo turbato e Juventus preoccupata. 
 
Ottava vittoria consecutiva della squadra di Allegri, e primato in classifica confermato a +6
 
Score personale del portoghese a Udine: ha tirato complessivamente 7 volte, 3 nello specchio,  in una di queste ha fatto pure gol (e un superlativo Scuffet gli ha miracolosamente negato la doppietta); ha giocato 55 palloni e nell'87% dei casi ha azzeccato il passaggio ( ne ha persi solo 11). 
Niente male per uno sceso in campo tormentato dalle notizie provenienti dagli States, e rilanciate alla grande dai media italiani, non vi pare? 
 
Notizie che, altrettanto, avrebbero dovuto disturbare la settimana bianconera, incidendo sulla prestazione della squadra, invece... 
Alla Dacia Arena è andato tutto al contrario di come in tanti si sarebbero immaginato (e avrebbero sperato).
 
Parliamoci chiaro,  su certi temi non si scherza: gli stupri, cosi' come ogni altro tipo di violenza sessuale commesso sulle donne, sono atti abominevoli. Purché siano episodi seri, non storielle buone solo per giornaletti scandalistici. 
Gli stupri veri sono quelli patiti in Iraq da Nadia Murad, o quelli subiti dalle donne congolesi curate poi dal dottor Mukuwege. Roba seria, infatti entrambi sono stati insigniti del premio Nobel. 
 
Quello raccontato dalla modella americana Kathryn Mayorga, e' altra cosa,anche se adesso in Italia molti finti bacchettoni e pasionarie dell'ultim'ora si sono gia' schierati dalla sua parte, "indipendentemente dalla squadra che si tifa". 
Si, venitecelo a raccontare..
 
L'episodio - una sodomizzazione imposta con la forza, nella versione della Mayorga - risale al 2009. Circola in rete pure un video di quella notte brava trascorsa da Ronaldo in un locale di Las Vegas e, dalle immagini, la signorina in questione non sembrerebbe proprio disdegnare la compagnia del macho portoghese. Cio' che accadde dopo, nella suite di un Hotel , lo sanno pero' solo i 2 interessati. 
 
Per evitare un casino mediatico, Ronaldo preferi' chiudere la questione accordandosi con la Mayorga, firmandole un assegno di 370 mila dollari. Una donna che subisce una violenza sessuale pretende giustizia, vuole vedere il suo violentatore in galera, non chiede dei soldi. 
La Mayorga ha dichiarato recentemente di essersi pentita per aver incassato quella paccata di soldi...9 anni dopo...mah!
 
Di questa avventura piccante non ne parlo' nessuno fino ad aprile dello scorso anno, quando Der Spiegel - venuto in possesso, grazie a Wikileaks, delle carte riguardanti questo caso - lo risparo' fuori, ma con scarso successo. 
 
In America scoppia poi il caso del giudice Kavanaugh, accusato di aver stuprato in adolescenza una ragazzina di 15 anni,che oggi ne ha 50 ed ha deposto contro di lui. Da li' e' partito il movimento femminile #metoo in appoggio a Christine Ford, e  i legali della Mayorga - a mio parere - hanno sfruttato la scia per risollevare il polverone e,magari, tirare su un altro po' di dollari.
 
Der Spiegel gli sta facendo da grancassa, sostenendo che le prove sul caso sono sparite. Per la Polizia di Las Vegas, invece, le prove non ci sono e basta.
 
Domanda: perche' la Ford se n'e' uscita fuori dopo quasi 40 anni con sta storia di stupro? Perche' la Mayorga ha ritirato fuori la vicenda della sodomizzazione dopo 9 anni? 
Risposta: per danneggiare l'avversario.
Politico o sportivo che sia.
 
Nel primo caso,  cercare di stoppare la nomina del repubblicano Kavanaugh alla presidenza della Corte Suprema, con l'appoggio del partito democratico.
Nel secondo caso, rovinare l'immagine di Ronaldo e fargli perdere contratti pubblicitari. 
Discorso che coinvolge  anche la Juventus, la quale ha acquistato CR7 non solo per rinforzare la squadra ma anche sfruttarlo col marketing ed aumentare il fatturato. Cosa che, magari, a qualcuno in Europa potrebbe dare fastidio. In Italia non ne parliamo nemmeno.
 
Quando e' riscoppiato il caso, la EASport (l'azienda che produce il videogioco Fifa) ha tolto dal proprio sito l'immagine di Ronaldo. Due giorni dopo l'ha rimessa, ma pochi lo sanno.
 
Le borse europee da giorni chiudono tutte in negativo, compresa Piazza Affari a Milano. Perdono i titoli di Stato, perdono i titoli bancari, perde ovviamente pure quello della Juventus, eppure ci continuano a dire per colpa del sexygate di Ronaldo. 
 
Parliamo di cose serie, dai.