Commenta per primo

Torna alla vittoria il Siena e bagna il 2011 con un prestazione importante e continua. Il 2-1 finale non rispecchia infatti l'andamento di una gara a senso unico con i bianconeri arrembanti fin dalle primissime battute e Albinoleffe fin troppo rinunciataria. Il rigore di Larrondo alla mezzora vanifica la resistenza della squadra di Mondonico e consente ai suoi di poter giocare sul velluto. I suoi compagni però non riescono a sfruttare le numerose occasioni, almeno fino al raddoppio di Brienza, al 10' della ripresa. Per l'ex fantasista della Reggina quarta segnatura e gara di grande spessore sulla fascia. Mondonico cambia assetto ai suoi: Momentè e Passoni alzano il baricentro della squadra ma non riescono a spostare l'inerzia. Vergassola si divora il tris e Sestu e Mastronunzio sbattono addosso a Tomasig. Nel finale, proprio allo scadere, Bombardini riapre i giochi. Ma ormai è tardi e l'Albinoleffe non riesce più ad essere pericoloso nei quattro minuti di recupero. I lombardi restano fermi a quota 23. La formazione di Conte invece recupera tre punti al Novara e si porta al secondo posto in attesa di Atalanta-Grosseto, sperando in un favore dei maremmani.

SIENA
 
L'attaccante del Siena, Marcelo Larrondo: 'Abbiamo dimostrato che ci siamo, che siamo carichi. Ma già da domani ci sarà da pensare al Pescara. Sono tornato a casa per le vacanze e poi, come i miei compagni, mi sono messo a lavorare bene. Non mi aspettavo di giocare dal primo minuto, ma comunque come tutti ho dato il massimo. Voglio segnare il più possibile, magari arrivare a 12 gol e contribuire ai successi della squadra. Potevamo chiudere la partita moto prima. Peccato per i gol sbagliati, dobbiamo migliorare. Il nuovo anno è iniziato bene, anche per le sconfitte delle altre. Noi dobbiamo rimanere lì e proseguire così. L'intesa con Mastronunzio? Mi trovo bene con tutti i compagni di reparto e sono felice così'.
 
ALBINOLEFFE
 
Il tecnico dell'Albinoleffe, Emiliano Mondonico: 'Una sconfitta che ci sta. Il Siena ha avuto tante occasioni. Noi non abbiamo sempre lottato, ma la differenza era evidente. Ho provato all'inizio a coprirmi per puntellare la difesa. La spinta dei loro esterni nel primo tempo è stata la differenza. Nella ripresa siamo andati meglio, abbiamo trovato un gol che fa contento Bombardini. Complimenti al Siena, a Conte, e a chi ha messo su questa squadra. Il rigore? Mi dicono un po' dubbio. Ma non cambia niente. Loro hanno avuto talmente tante palle gol... Il risultato parla chiaro, non ho bisogno di nascondermi dietro agli episodi. Nel primo tempo ho sbagliato io con un modulo iniziale non adatto'.