Commenta per primo

Il Siena riesce a sfatare il tabù casalingo chiamato Chievo, spesso vittorioso al 'Franchi', e con una grande prova si lancia in una zona decisamente nobile della classifica. Merito di una prestazione gagliarda al cospetto di un undici veronese troppo timido e rinunciatario dopo lo svantaggio, firmato da Destro al 25' del primo tempo con un gran tiro da fuori area al termine di un'azione personale. La traversa di Moscardelli su punizione manda le squadre all'intervallo con il punteggio ancora in bilico. Nonostante i cambi Di Carlo non riesce a dare una scossa ai suoi, che sembrano capitolare ad inizio ripresa per colpa ancora di uno scatenato Mattia Destro, in rete al 12'. Ma la giornata di grazia dei padroni di casa non sembra essere terminata visto che c'è ancora tempo per la perla di Gaetano D'Agostino, al primo gol in maglia bianconera, che su punizione batte ancora Sorrentino. È il 16' e la partita sembra decisamente chiusa. Destro, poco prima di essere sostituito da Larrondo sfiora la tripletta. Dall'altra parte un sussulto forte arriva al 30' grazie a Moscardelli, che con precisione fa secco Bkric interrompendo un'imbattibilità casalinga che durava dal gol di Matri, che era valso il blitz della Juventus a fine settembre. Il Chievo ha una fiammata di orgoglio e nel finale sembra crederci di più. Il Siena è però bravo prima a congelare la sfida e poi a segnare ancora con Calaiò nel recupero, per finire nel modo più positivo una settimana con decisamente ricca di punti e soddisfazioni.

SIENA

Il difensore del Siena, Emanuele Pesoli: 'Sono entrato all'improvviso e sono contento per la prova della squadra e della vittoria. Le squadre che giocano contro di noi fatto fatica e trovano difficoltà, specie in casa. Il mister mi conosce bene e sa che non sono uno che crea problemi. Mi fa piacere che l'allenatore si fidi di me e mi metta in campo quando lo ritiene più opportuno, io cerco di farmi trovare pronto ogni volta. La squadra? Se continuiamo così possiamo toglierci delle soddisfazioni, sempre rimanendo concentrati. Già a partire da Udine, dove andremo per fare il massimo. Dove sarà tra campo, panchina o tribuna? Sarò, come sempre, a disposizione del Siena'.

CHIEVO   

L'attaccante del Chievo, Davide Moscardelli: 'Bravi a ripartire solo nell'azione del gol quando loro erano leggermente scoperti. Volevamo riprendere i punti persi contro il Bologna ma evidentemente è un momento no, siamo stati spesso sfortunati nelle predenti partite. Oggi non c'eravamo e di questo siamo rammaricati. Il mio gol non è valso a niente, volevamo e potevamo fare meglio'.