Commenta per primo

Finisce con un pareggio che forse scontenta tutte e due le squadre, visto l'andamento della partita. L'1-1 finale è però il risultato più giusto per quello che si è visto in campo. Un primo tempo sostanzialmente equilibrato, con una fase centrale a favore del Napoli dal punto di vista del gioco, ma Siena presente e pericoloso soprattutto nel finale quando Calaiò, bravo ad approfittare di un errore di Cannavaro solo davanti a De Sanctis, ha centrato una clamorosa traversa interna. Nella ripresa partenopei subito molto intraprendenti: al 52' Pegolo è bravo a dire di no a Cavani, che ci aveva provato con una bella girata volante. Mazzarri le prova tutte per vincere: fuori Gargano per Lavezzi, con Hamsik abbassato in mediana. Una mossa che sembra dare un’immediata scossa ai suoi visto che Inler e compagni riprendono in mano in pallino del gioco. Al 68' però succede quello che non ti aspetti. Calaiò si riscatta dopo l'errore del primo tempo e porta in vantaggio i suoi con un colpo di testa su preciso cross di Vergassola, in azione di contropiede. L'arciere non esulta e dopo poco esce tra gli applausi di entrambe le tifoserie. La reazione azzurra è veemente, ma più di rabbia e voglia che di gioco. Al minuto 80 Lavezzi di mestiere si procura un dubbio rigore per un presunto fallo di D'Agostino, che protesta e viene ammonito. Dal dischetto però il Matador si fa ipnotizzare da Pegolo, bravo a stoppare la non precisa conclusione dagli undici metri. Il pari però arriva poco dopo, all'86' con Pandev, di testa su cross di Dossena. Nel recupero c'è ancora tempo per un super Pegolo, ottimo ancora su Pandev.

SIENA

L'attaccante del Siena, Franco Brienza: 'Un punto importante, che ci dà fiducia per andare avanti. Siamo riusciti a smuovere la classifica nonostante ci trovassimo di fronte a una squadra forte come il Napoli. Non abbiamo demeritato. Adesso ci aspetta una settimana densa di appuntamenti importanti, a partire dalla Coppa Italia di mercoledì: il mister ha la fortuna di poter scegliere tra grandi giocatori sempre pronti a dare il massimo. Domenica, invece, cercheremo di portare a casa il risultato, sfatando il tabù delle partite in trasferta dove non siamo mai riusciti a vincere'.

NAPOLI

Il centrocampista del Napoli, Cristian Maggio: 'E' un periodo che ci gira così, facciamo fatica a concretizzare quanto creiamo. Siamo sicuri di riprenderci ma dispiace per i tifosi che son venuti fin qui. La zona Champions si allontana? Nonostante sia distante noi continuiamo a credere al terzo posto, anche se sappiamo che è impegnativa come rimonta. Adesso dobbiamo proiettarci al match di Coppa Italia con l'Inter, dobbiamo superare i nerazzurri e puntare alla finalissima dell'Olimpico'.