Commenta per primo

Per addetti ai lavori e semplici tifosi o appassionati la sufficienza al mercato della Robur è unanime e abbondante. Sulla carta infatti non si può certo dire che la società non si sia mossa bene e per tempo. Involontari intoppi per Gillet e Masiello a parte, Perinetti ha portato ha termine un compito non facile, riuscendo ad rinforzare un gruppo che nella passata aveva comunque fatto benissimo. Contini, Mannini, D'Agostino e Gonzalez sono sicuramente i fiori all'occhiello di una campagna acquisti che ha visto però anche altre preziose pedine andare a rinforzare la squadra a disposizione di Sannino. La difesa offre delle buone garanzie: le new entry sono un mix di esperienza e gioventù, che vanno unite all'affiatamento di chi è stato protagonista di un'ottima annata come quella scorsa.

In porta Brkic è sembrato crescere, come conferma l'impegnativo test di La Spezia dove il serbo ha fatto molto bene. La linea mediana è stata indubbiamente rinforzata con arrivi prestigiosi e sinceramente ad inizio mercato difficilmente ipotizzabili. D'Agostino e Mannini sono elementi che fino a poche stagioni fa lottavano per obiettivi diversi dalla salvezza, e se in condizione possono decisamente dare un contributo importante in termini di qualità e magari anche di realizzazioni. Gazzi e Bolzoni rappresentano il ‘polmone verde’ della squadra, utilissimi quando ci sarà da badare più al sodo. Uniti all'esperienza di capitan Vergassola, è innegabile come la batteria di mediani sia di ottima caratura.

Sulle fasce, il già citato Mannini, insieme ai confermati Reginaldo e Brienza (più Sestu e Troianiello) e al nuovo arrivo Grossi, sono delle ottime garanzie di pericolosità e imprevedibilità. Anche in questo reparto non mancherà la concorrenza, che però è sempre utile e stimolante. Inoltre, diversi tra questi giocatori sarebbero in grado di essere spostati più avanti, qualcora eventuali assenze o particolari esigenze lo richiedessero. Poi c'è l'attacco. Gonzalez, seppur esordiente assoluto per la categoria, arriva sullo slancio di due grandi stagioni, condite da altrettante promozioni. Sarà utilissimo per offrire più opzioni e sulla carta si integra perfettamente con le altre punte, tutte con carattestiche diverse. In definitiva quindi il bilancio finale è soddisfacente, anche solo a maggio (o forse già a gennaio) si potranno trarre le conclusioni.

Acquisti: Angelo (Parma), Paolucci (Palermo), Belmonte e Codrea (Bari), Destro (Genoa), Grossi (Varese), D'Agostino (Udinese), Angella (Udinese), Brkic (Udinese), Pesoli (Varese), Mannini (Napoli), Contini (Saragozza), Gazzi (Bari), Acosta (Boca), Gonzalez (Palermo), Milanovic (Palermo).

Cessioni: Brandao (Parma), Coppola (Torino), Marrone (Juventus), Cacciatore (Varese), Carobbio (Spezia), Genevier (Livorno), Coulibaly (Tottenham), Kamata, Mastronunzio (Spezia), Garofalo (Bari), Paolucci (Vicenza), Tziolis (Racing Santander).

All. SANNINO