Doveva firmare a luglio scorso, tutto praticamente fatto... poi rinviato. Per mesi, fino a questo inizio di novembre che vede Milan Skriniar sempre più protagonista con la sua Inter: sontuoso in campionato, determinante anche in Champions League dove ha sfoderato un'altra prestazione fantastica di fronte al Barça e a Luis Suarez in particolare. Ma cosa sta succedendo sul fronte contratto? Settimana dopo settimana, i rumors aumentano dall'estero. Eppure dalle stanze di Corso Vittorio Emanuele non filtra alcuna paura o preoccupazione, tutt'altro.

SITUAZIONE CONTRATTO - La situazione di base è nota: Skriniar ha un contratto fino al 2022, guadagna 1,7 milioni a stagione più bonus, ma non si accontenta dei 2,5/2,6 milioni messi sul tavolo dall'Inter.
La dirigenza lo sa molto bene, tanto che tutti all'Inter sono convinti anche in questi ultimi giorni che si troverà presto la soluzione per il rinnovo di Skriniar. La società vuole ricompensarlo ed è stanca delle tante voci di mercato, anche perché il difensore è entusiasta in nerazzurro e chiede solo un ingaggio adeguato; comprensibile, pure per Suning che vuole premiare il difensore reduce da un'annata oltre ogni aspettativa e già leader nei primi mesi di questa nuova stagione. Sfondando il muro dei 3 milioni all'anno potrà arrivare l'accordo, la sensazione dell'Inter è questa, convinti che non ci sarà alcun problema. Altrimenti con questo ingaggio diventerebbe difficile anche sentirsi legittimati a chiedere cifre pari a 100 milioni, come ha suggerito Spalletti senza scherzare troppo. Sono e saranno giorni di contatti, un avviso ai due club di Manchester e allo stesso Barcellona che hanno chiesto informazioni e formulato offerte verbali già in tempi non sospetti. Ma questo Skriniar vale un tesoro. E l'Inter è stanca dei rumors, convinta di blindarlo molto presto.