Commenta per primo

Paolo Di Canio maratoneta per caso. Il manager dello Swindon Town, club che milita nella quarta serie inglese, era stato scelto come starter ufficiale della mezza maratona che si è corsa domenica nella città, poi dopo un errore banale si è fatto prendere la mano e ha portato a compimento l'intero percorso con un tempo sorprendente. Era previsto che il 43enne ex attaccante della Lazio desse il via alla corsa partecipando solo alla mini-gara di due miglia che ha preceduto l'evento principale. Invece ha completato l'intero percorso, di 13 miglia, della mezza maratona in un'ora e 49 minuti, chiudendo a 36 minuti dal vincitore della gara Dave Roper. «Non potevo fermarmi, è stata una sfida», racconta Di Canio alla Bbc. «Pensavo di correre solo la mini-maratona ma sfortunatamente abbiamo cambiato direzione e siamo andati avanti seguendo il primo gruppo. Perciò è andata a finire che ho corso tutta la mezza maratona più altri 800 metri», prosegue Di Canio, che ha corso la gara indossando la divisa e il cappellino della sua squadra. «Alla fine ero molto felice perchè non mi sono mai fermato, nemmeno per un secondo. Non ero preparato, ma non ho mai smesso di correre. Sono molto contento ma è stata molto dura», conclude