958
Luis Suarez ha superato l'esame di italiano all'Università per Stranieri di Perugia. L'esame, in forma scritta e orale, si è svolto piuttosto rapidamente: è durato circa mezzora. 

L'ARRIVO NEL POMERIGGIO E L'ESAME - L'attaccante del Barcellona e obiettivo della Juve Luis Suarez
, a bordo di un volo privato, è partito alle 13.15 dall'aeroporto El Prat della città catalanta in direzione Perugia dove è atterrato alle 15, per sostenere nel pomeriggio l’esame propedeutico per il conseguimento del passaporto italiano (video di Nicolò Borgarelli). L'esame è stato il B1, dalla durata di circa 40 minuti, ed è utile per diventare comunitario.
LE PAROLE DELL'ESAMINATORE - Il Pistolero ha superato la prova e gli è stato consegnato l'attestato B1, prima di tornare a Barcellona: adesso si riattiveranno le pratiche per l'ottenimento del passaporto. Intervistato dall’ANSA, uno degli esaminatori di Suarez, Lorenzo Rocca, ha parlato così dell’esame dell’uruguaiano: “Quando ha dovuto immaginarsi in una città italiana per la prova sostenuta, Suarez ha pensato a una che potete ben immaginare”, ha detto . E alla domanda se la città fosse Torino il docente ha risposto con un sorriso: "Io non l'ho detto...".

LA JUVE NON PUO' ASPETTARE - Per ottenere i documenti sarà poi necessario, in caso di superamento dei test, aspettare diversi giorni: per questo il club bianconero ha virato deciso su Edin Dzeko, mentre l'uruguaiano anche in mattinata si è allenato con il Barça. Grande attesa comunque nel capoluogo umbro: i tifosi juventini e gli appassionati di calcio già alle 9.30 erano appostati in città nella zona dell’Università,