Commenta per primo
Dopo una domenica vissuta come membro dell'equipaggio a bordo della “Portopiccolo – Prosecco doc” alla 53^ edizione della Barcolana, per mister Luca Gotti è tempo di tornare al timone della sua nave, l'Udinese

C'è da preparare in settimana la delicata sfida contro il Bologna, match che al tecnico comachino evoca lieti ricordi visto il suo passato da vice di Donadoni in terra emiliana ma che rischia per lui di essere uno spartiacque.

I felsinei arrivano al "Friuli" forti del 3 a 0 contro la Lazio e con 3 punti in più in classifica. La formazione di Mihajlovic sembra essersi subito messa alle spalle la mini crisi di fine settembre e ora pare decisa a veleggiare, vento in poppa, verso acque più tranquille. 

La bianconera, invece, naviga a vista con Gotti che non è ancora riuscito a tracciare la rotta. C'è chi spinge per il cambio di modulo -un passaggio al più corraggioso 4-2-3-1 visto in parte già contro Fiorentina e Samp - ma la rivoluzione, che comunque è in cantiere, per il momento viene rimandata. Prima è indispensabile che la squadra riacquisisca maggiori certezze, che ritrovi fiducia nelle proprie capacità. L'allenatore friulano non vuole affrettare il passo, soprattutto con una squadra molto giovane e che la Serie A la sta conoscendo soltanto in queste giornate. 

Il solo punto, strappato in rimonta alla Sampdoria, nelle ultime quattro partite però ha gettato più di qualche dubbio sul tecnico. Per questo motivo la partita contro i rossoblù diventa ancor più importante. Appuntamento da non sbagliare assolutamente, serve quella virata decisiva per riprendere la giusta direzione. 
La pausa per le nazionali ha permesso ai bianconeri - privati soltanto di Larsen e Molina - di ricompattarsi e recuperare da qualche acciacco. Presto per una probabile formazione, le alternative sono tante un po' in tutti i ruoli. Vedremo chi uscirà vincitore dai rispettivi ballottaggi, se le nuove leve o i marinai di vecchio corso.

Spingono per una maglia da titolare dopo le ultime positive prestazioni Soppy e Beto, va in cerca di conferme invece Makengo. Difficilmente Gotti farà a meno di Deulofeu, uscito acciaccato da "Marassi" ma sempre più uomo squadra. In dubbio, invece Pussetto, dopo il forfait dell'ultimo turno. Chance per Samardzic? Difficile, almeno dall'inizio.

Da rivedere l'assetto difensivo, a cominciare dalla mediana, vista la crisi di Walace. Troppi e gravi gli errori anche dei tre centrali dietro. E' necessario ritrovare la compattezza delle prime giornate e anche da capitan Nuytinck ci si aspetta qualcosa in più.

C'è tempo per lavorare, per trovare la formula vincente. La settimana che porta alla ripresa del campionato e al lungo tour de force di questa ultima parte di 2021 è appena iniziata.