79
Leggendo delle vie diverse che forse stanno prendendo Totti e Ilary mi torna in mente la fonte dell’amore, un giorno a Trigoria in cui capitai per fargli un’Intervista per il Guerin Sportivo chiesta e organizzata dall’allora direttore Zazzaroni. Non erano tempi di grandi controlli. Ricordo che fui scortato da Totti e lasciato solo con lui, cosa che adesso non accadrebbe mai. Poi mi fu offerto di pranzare a Trigoria cosa che feci volentieri. Eravamo intorno al 2004-2005, non so più dire. Ma quando chiesi a Totti come andava con l’amore mi disse che forse stava accadendo qualcosa, sesso e sentimento si stavano incontrando.

Totti poteva avere quasi qualunque ragazza rientrasse nel suo raggio d’azione. Ma mi disse che era stato colpito da una in particolare che stava cambiando la sua idea sull’amore. Non andai oltre. La notizia non era ancora lei, era che lui si fosse di colpo innamorato. Diciassette anni dopo leggo che si stanno separando. Non sono in grado di giudicare nessuno, anche io ho avuto qualche storia e due mogli. Però mi dispiace. Era la famiglia di tutti. La loro vulnerabilità è la nostra. Loro avevano tutto, a noi qualcosa manca sempre, alla fine il risultato è molto simile.